Migranti protestano in piazza: “Cpa inadeguato”. Il Prefetto: “Garantire i loro diritti”

immigr

 

29 magg – “We are not criminals. We need documents”: non siamo criminali, vogliamo i documenti per circolare liberamente. Lo hanno gridato mercoledì mattina una cinquantina di ospiti del Cpa di Elmas, quasi tutti provenienti dal centro Africa, davanti alla Prefettura di Cagliari. Quasi un mantra ripetuto ossessivamente: una protesta pacifica con bandiere (c’erano quelle dell’Usb), striscioni e cartelloni.

I migranti chiedono di andar via dal Cpa dell’aeroporto di Elmas, struttura giudicata inadeguata. “Ma non piace – ha spiegato Salvatore Drago dell’Usb – anche la soluzione di Monastir. Si troverebbero isolati, nelle stesse condizioni di prima. Lontani da Cagliari: sarebbe meglio ospitarli in piccole strutture in autogestione”. La richiesta più impellente riguarda però proprio l’accelerazione delle procedure burocratiche per il rilascio del permesso di soggiorno. Documenti che consentirebbero ai migranti di lasciare l’isola e raggiungere amici e parenti nel resto d’Italia, in Francia o in Germania. Fra i messaggi anche “Nelson Mandela vive nella nostra battaglia: no apartheid in Italia”, “stop al razzismo” e “migrare non è reato”. La manifestazione si è svolta davanti agli occhi di decine di turisti in giro per Castello.

E la Prefettura raccoglie l’appello dei migranti: avanti con le iniziative per l’integrazione dei nuovi arrivati assieme a Regione, Province e Associazione nazionale Comuni. Inoltre subito una verifica per risolvere i problemi sollevati dagli ospiti del Centro accanto all’aeroporto. Sono i due punti chiave dell’incontro tra il prefetto di Cagliari, Alessio Giuffrida, e una delegazione di rappresentanti dell’Unione Sindacale di Base, accompagnati da due richiedenti asilo. La Prefettura ha mostrato la massima disponibilità a favorire e migliorare “i meccanismi di comunicazione e informazione verso gli ospiti del centro di Elmas in ordine non solo ai doveri incombenti in capo ai richiedenti asilo, bensì anche in merito ai diritti e alle procedure previste dalla legge per poter usufruire di benefici di vario genere, la cui incompletezza o distorsione rappresenta a volte causa di incomprensioni”. tiscali



   

 

 

3 Commenti per “Migranti protestano in piazza: “Cpa inadeguato”. Il Prefetto: “Garantire i loro diritti””

  1. Carissimo prefetto, in Italia i cittadini clandestini hanno diritti e non doveri, l’ITALIANO ha solo doveri. Mi potrebbe spiegare come mai?

  2. non scuso niente…Potevate non partire…

  3. Allora…
    Fate una cosa, invece di fermarvi qui in Italia, tirate dritto fino all’Inghilterra o la Germania…

    Così siamo contenti tutti!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -