Luttwak: “Il complotto contro Berlusconi c’è stato. Merkel e Sarkozy da Napolitano. E Pisanu…”

17 magg – “Ci fu un complotto ordito da Sarkozy e dalla Merkel contro Berlusconi con l’appoggio di molte persone in Italia. In quel momento c’era una crisi finanziaria molto forte e il premier era occupato in altre cose”. A buttare carne sul fuoco del “golpe 2011” contro Silvio Berlusconi è ora il politologo americano Edward Luttwak, intervistato da La Zanzara su Radio 24.

merkel

17 magg – La sua versione conferma su molti punti la teoria esposta dall’ex segretario al Tesoro americano Timothy Geithner nel suo libro di memorie Stress test, che tante polemiche ha sollevato nell’ultima settimana. “Il presidente francese e la Cancelliera – dice Luttwak – parlarono con il presidente Napolitano perché un Paese importante come l’Italia era sull’orlo del collasso e questo avrebbe aggravato la crisi economica mondiale. L’Italia poteva diventare come l’Argentina”.

Il ruolo di Pisanu – “Francia e Germania – prosegue il politologo – convergono su Napolitano e su altri leader italiani come Beppe Pisanu (che all’epoca, fine estate 2011, era già diventato uno dei principali “frondisti” del Pdl e che sarà decisivo nei giorni della caduta del Cav, ndr). L’obiettivo era rovesciare un governo eletto democraticamente perché il suo capo non voleva concentrarsi su questa crisi (piegarsi alla Germania, ndr) ed era occupato in altre cose. Certi suoi ministri avevano addirittura riferito ai colleghi europei che non riuscivano nemmeno a parlare con il presidente del consiglio“.

Il no di Obama – Era inevitabile agire, spiega Luttwak, “e lo pensavano anche quelli che non odiavano Berlusconi. Consideravano necessario un cambiamento. Non fu colpo di stato ma un complotto dietro le quinte, non so quanto in linea con la costituzione. Io non ho provato piacere, ma fu inevitabile”. Sul no di Obama alla richiesta di funzionari Ue di fare pressioni sul governo italiano, come scritto da Geithner, Luttwak ha una sua teoria: “Si è rifiutato perché l’America ritiene più importante la democrazia dell’economia, era inconcepibile. Sarkozy e Merkel si sono rivolti a Obama per partecipare al complotto. Ma non si poteva interferire. Obama non aveva scelta, nessun presidente americano poteva intervenire”.

.liberoquotidiano.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -