UE: salvare le razze animali per combattere siccità e cambiamenti climatici

biodiversi30 nov – L’Europa si dà una nuova sfida, quella di salvare la propria biodiversità in agricoltura, preservando razze di animali e colture quasi dimenticate, perché la legge di mercato chiede agli agricoltori di produrre solo determinati tipi di carni, e solo alcune varietà di piante. La Commissione europea propone ora di cambiare marcia, almeno per due ragioni. In primo luogo, garantire la sicurezza alimentare “assicurando l’accesso ai prodotti di qualità, sicuri e a costi contenuti, nell’ambito di una produzione agricola sostenibile”.

Ma anche per “meglio proteggersi da malattie, siccità, cambiamenti climatici grazie a risorse locali”.

Il nuovo approccio emerge da un rapporto della Commissione europea, che sarà sottoposto all’esame del Parlamento e del Consiglio Ue, dedicato alla salvaguardi delle “risorse genetiche in agricoltura”. Non si parte da zero. In Italia esistono programmi di cooperazione europea nel settore: vanno dal riso della Lombardia alle carni della Sicilia. Ma questo non basta.

Bisogna rilanciare – spiegano esperti Ue – il partenariato tra agricoltori, ricercatori e mercato, per dare spazio all’allevamento di vecchie razze, o di colture tradizionali, sostenendo finanziariamente il produttore che partecipa al progetto, e cercando di creare un mercato per quei prodotti. I fondi si trovano nei finanziamenti Ue per lo sviluppo rurale 2014-2020, ma anche il programma Ue ‘Horizon 2020’ dispone di oltre 4 miliardi di euro per la ricerca e l’innovazione in agricoltura.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -