Onu: i media creano odio fra le 2 sponde del Mediterraneo

onu26 OTT – “Sappiamo quanti discorsi intrisi di odio si stanno propagando e stanno influenzando le nostre società, su entrambe le rive del Mediterraneo. Con il rafforzamento del dialogo aperto e franco tra le culture, confido che potremo promuovere la comprensione reciproca che ci consentirà di raccogliere le sfide più ardue: il mondo non cambierà in modo automatico”.

Ne è convinto Nassir Abdulaziz Al-Nasser, Alto rappresentante delle Nazioni Unite per l’Alleanza delle Civiltà, intervenuto a Rimini alla 44/a edizione delle Giornate internazionali di studio ‘Pio Manzù’.

Secondo l’esponente dell’Onu, relatore alle giornate intitolate ‘La Palma e l’Abete. Dialoghi interculturali tra Europa e mondo arabo: i comuni obiettivi per il reciproco sviluppo’, ”il conflitto è stato spesso la cifra delle relazioni fra l’Europa e il mondo islamico in diversi momenti della nostra storia comune. Il cosiddetto scontro di civiltà – ha sottolineato in un passaggio del suo intervento – è forse più il riflesso dello squilibrio delle forze politiche ed economiche che non il risultato di culture, religioni o tradizioni diverse. Non v’è alcun dubbio che le disuguaglianze nei livelli di sviluppo socio-economico fra le due rive del Mediterraneo hanno influenzato i rapporti fra gli Stati e i popoli”. Quindi, ha scandito Nassir Abdulaziz Al-Nasser, “invito ciascuno di voi a rifiutare e combattere lo scontro di civiltà.

A tale riguardo, i diplomatici, i decisori, la società civile, gli intellettuali e, in particolare, i leader religiosi e politici hanno grandi responsabilità”. Per Al-Nasser ne hanno però anche i media e tutti coloro che ogni giorno contribuiscono a creare l’odio per l’altro, sulle due sponde del Mediterraneo”.

Proprio a tale riguardo, puntualizza l’esponente delle Nazioni Unite, “l’Alleanza sta avviando un progetto innovativo che la vedrà impegnata nei prossimi dodici mesi per monitorare i casi di incitazione all’odio nei media in occasione di particolari eventi e incidenti sulle sponde nord e sud del Mediterraneo. In questo modo l’Alleanza sta svolgendo un ruolo guida nel rafforzare il dibattito fra i professionisti del settore su come migliorare la qualità del loro lavoro di cronisti, evitando intolleranza e istigazione all’odio“. Al termine del suo intervento Nassir Abdulaziz Al-Nasser ha ricevuto la medaglia d’oro della Presidenza della Repubblica.

“Come tenace promotore della tolleranza, della convivenza pacifica e del dialogo interculturale – viene spiegato nella motivazione dell’onorificenza – Nassir Abdulaziz Al-Nasser ha percorso nuove vie per l’affermazione della pace utilizzando i valori dell’arte, della cultura e il pensiero innovativo. Con la nobile missione di costruire ponti di pace tra tutte le culture e le civiltà, ha dedicato i suoi sforzi alla creazione e organizzazione di attività globali per incoraggiare il rispetto della diversità e la comprensione reciproca tra i popoli”.

Condividi l'articolo

 



   

2 Commenti per “Onu: i media creano odio fra le 2 sponde del Mediterraneo”

  1. L’odio del sud Mediterraneo verso il nord ha un nome ben preciso che ne decreta l’origine:corano. L’eventuale odio (più propriamente lo definirei “reazione difensiva” dei paesi del nord del mediterraneo verso il sud è la CONOSCENZA del CORANO.

  2. GeertWilders4president

    Nassir Abdulaziz Al-Nasser un nome, una storia.
    Non sono i media che causano odio, è il comportamento irrispettoso dei musulmani verso tutti gli altri, il loro rifiuto di integrarsi e l’aderire a tutti i costi alle leggi della shariah, sebbene queste non sono inplementate in Europa (per fortuna) e sebbene le leggi della shariah vanno contro le nostre (la shariah prevede, tra le altre cose, la lapidazione delle adultere)

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -