Altri nuovi casi di febbre del Nilo: è allarme, uno è grave

zanz30 ago. – Due nuovi casi di malattia conclamata di West Nile Disease sono stati registrati nel reggiano. Ne sono affette due persone anziane, una residente a Reggio Emilia e l’altra a Poviglio. Lo rendono noto le direzioni dell’Azienda Usl della citta’ emiliana e dell’Azienda Ospedaliera Santa Maria Nuova. Le due persone sono attualmente ricoverate all’Ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia, con diagnosi confermata dagli esami di laboratorio. Il paziente residente a Reggio Emilia e’ in via di miglioramento, mentre quello residente a Poviglio, gia’ affetto da una severa sindrome immunodepressiva, e’ in gravi condizioni.

Giovedì sera è stato diagnosticato il temuto virus a una donna, di circa 60 anni, residente a Rovigo in via Alfieri, in commenda, poco distante dallo stadio da rubgy. La signora è stata ricoverata in ospedale: riporta sintomi neurologici, abbastanza gravi. Ma non solo: alcuni cittadini, con sintomi simili e febbre alta, sempre residenti a Rovigo, si trovano ora sotto osservazione dei medici dell’Ulss 18, in quanto potrebbe sempre trattarsi della temuta infezione, che si diffonde attraverso la puntura delle zanzare.

Si tratta di una malattia infettiva in aumento tra i cittadini di origine straniera. È quanto emerge dal rapporto “Sorveglianze speciali delle malattie infettive. Dati 2010”. Nelle zone temperate i casi di encefalite dovuti a questo virus si verificano generalmente tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno. Nelle altre regioni più calde il virus può trasmettersi per tutto l’anno.

Le zona adiacenti a fiumi o bacini lacustri, in genere, sono più esposte al contagio, data la naturale proliferazione di zanzare in tali zone.

La West Nile Disease e’ una infezione virale trasmessa attraverso la puntura di zanzara e che ha l’uomo tra i possibili ospiti finali, assieme al cavallo. L’Ausl reggiana ricorda che la malattia “non puo’ essere trasmessa da uomo a uomo mediante contatto diretto o indiretto, ma solo attraverso la puntura di una zanzara infetta”. La prevenzione si attua “attraverso le norme di comportamento, piu’ volte richiamate, che impediscono la puntura di zanzara”. (AGI)

Condividi l'articolo

 



   

3 Commenti per “Altri nuovi casi di febbre del Nilo: è allarme, uno è grave”

  1. PAPA FRANCESCO BUONASERA SONO PIETRO ARENA
    DA CATANIA
    IO NEL 2008 CAUSA ICTUS SONO RIMASTO 12 GIORNI IN COMA DOVE PER PIU’ DI MEZZORA MI SONO TITROVATO NELL’ALTRA DIMENSIONE
    DOVE HO POTUTO VEDERE E TOCCARE CON MANI CHE ESSISTE L’ALTRA VITA HO VISTO LA RESURREZIONE E’ HO NOTATO CHE TUTTI COLORO I QUALI IN QUESTA TERRA ERANO CIECHI STORPI ,O CON GRAVI MALATTIE IN QUELLA DIMENSIONE LI HO VISTI TUTTI IN OTTIMO STATO MIA MAMMA E MORTA CIECA MA LI MI VEDEVA BENISSIMO PER ALTRI DETTAGLI E LUNGA DA POTER SCRIVERE IN BREVE E’ IL MONDO IDEALE PER L’UMANITA’ PER VIVERE LA 2^ VITA IN PACE CON TUTTI E IN BUONA SALUTE APPENA MI SONO SVEGLIATO DAL COMA LA PRIMA COSA CHE O DETTO AI MIEI E STATO : QUELLO DI RACCONTARE CON GIOIA QUELLO CHE HO VISTO E TOCCATO CON MANI E TUTTO IL RESTO ( NELLA DISGRAZIA DI ESSERE COLPITO DA ICTUS SONO RITORNATO IN VITA CON UN BEL RICORDO E CONTENTO DI SAPERE DOVE ANDREMO A FINIRE DOPO LA MORTE TERRENA GRAZIE PER IL TEMPO A DEDICATOMI LE AVREI SCRITTO DIRETTAMENTE SE SAPEVO LA SUA MAIL IO SONO IL CUGINO DI 1° GRADO DEL VESCOVO GIUSEPPE MARCIANTE PAPA FRANCESCO BUONASERA

  2. Si tratta di una malattia infettiva in aumento tra i cittadini di origine straniera.?

    Un art. del 18 settembre 1997.. quando ancora non si rischiava l’accusa di RAZZISMO..

    L’ Ordine nazionale dei biologi: si importano terribili forme infettive.

    Immigrati, scatta l’ allarme malattie

    /——————/

    E quando il verde DELLIRIO dei tanto osannati (PARCHI) e aree protette non ci ammorbava con la biodiversita’..

    Adesso c’e’ il conto da pagare.. e lo pagheremo carissimo..
    Un vostro recente art. esponeva ill problema:

    Toscana: Vespe e tafani in quantità insopportabile, turisti infuriati
    ((Ma poiché si tratta di area protetta, non possono essere usati insetticidi.))

    /————-/

    QUELLE CHE ERANO P-A-L-U-D-I.. ora sono :
    Zone umide di importanza internazionale

    QUINDI CREPATEVI DI MALARIA……. e morite in silenzio che disturbate i passeretti!!

    ECCOLE LE ZONE UMIDE !!…, con i suoi 800-900 casi ogni anno (un aumento del 400% rispetto a dieci anni fa)

    MEGLIO UN MORTO IN CASA CHE UN VERDE IN GIARDINO!!!

    • nooo non si può dire che osno gli immigrati, altrimenti sei RAZZISTA, e sicuramente fascio………intollerante.
      Invece che ha un pò di sale in zucca sa benissimoc he tutto questo perbenismo,buonismo, e accettazione degli immigrati, è solo un pretesto politico per vari ed ovvi motivi, voti, e fondi dato che facendo entrare più gente la popolazione aumenta, e poi fanno anche mlto più figli, quando si sale di numero arrivano dei finanziamenti che ovviamente si becca lo stato, e questo già prima dell’unione europea.
      E c’è da dire un altra cosa, io non mi sento razzista ma non sopporto i rumeni, gli zingari, e gli islamici, non per la loro pelle , ma per il loro cervello, infatti adoro chinesi giappponesi etc, e mi si da del razzista? ma almeno lo sa la gente che gli immigrati che vengono qui sono (non sempre ma nella maggior parte dei casi) delinquenti ed indesiderati di paesi del terzo mondo? e che il nostro bel governo ha preso accordi per accogliere quella feccia? dietro compenso?
      E poi però il governo e la gente comune non è razzista quando se la prnede contro i chinesi, perchè vengono qui e guadagnano piu degli italiani? ahh comodo così, sei razzista se te la prendi con gli stupratori del est, ma se te la prendi con i chinesi con una cultura millenaria, educati, e che si fanno i cacchi loro, allroa in quel caso non sei razzista, bhaaa.

      Ed ecco anche perchè tornano malattie scomparse, come vaiolo, malaria, etc etc, ma non bisogna dirlo altrimenti si èla cosa più brutta che esista un RAZZISTA FASCISTA. fanculo allIitalia e ai suoi italianucoli!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -