Evade 21 euro, cassazione condanna imprenditore a 2 mesi di reclusione

ag-en9 lug – Hai voglia a spiegare ai giudici che per un importo così non valeva la pena falsificare una fattura. Come pure è stato vano, dopo la condanna in primo grado, il ricorso in appello e poi in Cassazione. Quei 21 euro e 51 centesimi di evasione fiscale gli sono costati comunque una condanna definitiva a due mesi e 20 giorni di reclusione. Pena sospesa ma ugualmente pesantissima. È la storia di un imprenditore di Latina, G.C., incappato nelle maglie della giustizia per colpa della dichiarazione dei redditi del 2004.

All’uomo erano state contestate, fin dal 2007, fatture per operazioni inesistenti per un importo complessivo di 107,59 euro, con la conseguente sottrazione al fisco di un introito Iva, appunto, di 21,51 euro. Niente a che vedere, certamente, con le grandi evasioni milionarie di cui si sente spesso parlare ma secondo i giudici comunque abbastanza da richiedere una punizione esemplare. Tanto più, hanno rilevato i magistrati della suprema corte, che le indagini fin da subito hanno escluso la buona fede dell’imputato, che certamente non poteva non sapere che le fatture in oggetto riguardassero operazioni inesistenti.

Secondo la Corte di Cassazione, poi, poco importava che l’Iva evasa fosse di così modesto importo, «non essendo previsto per la sussistenza del reato alcun limite di punibilità». Certo in un Paese in cui, soltanto per il 2011, l’Agenzia delle Entrate ha stimato un’evasione di Iva vicina ai cinquanta miliardi di euro, la storia dell’imprenditore di Latina fa ancora più effetto, visto anche che, in conseguenza di questo singolare verdetto, si troverà a dover scontare quattro giorni di reclusione per ogni euro di imposta evasa (e a pagare ovviamente anche tutte le spese processuali). Una sanzione forse eccessiva, anche se la lotta all’evasione fiscale è diventata oramai una priorità per il Paese. corriere.it



   

 

 

1 Commento per “Evade 21 euro, cassazione condanna imprenditore a 2 mesi di reclusione”

  1. Lo stato ITAGLIANO in sintesi: FORTE COI DEBOLI E DEBOLE COI FORTI.
    NON C’È ALTRO DA AGGIUNGERE.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -