Romeno picchia e segrega la figlia per costringerla a prostituirsi

prost13 giu. – Carceriere e sfruttatore, faceva prostituire la propria figlia. E’ quanto scoperto a Catania dai carabinieri che hanno arrestato il genitore di 48 anni, lo zio di 41 e una trentenne. I tre tenevano sotto scacco non solo la ventenne romena, ma anche altre due ragazze. Denunciata una 34enne.

I carabinieri, impegnati in un servizio di controllo in viale Africa, avevano notato tre persone che pestavano una ragazza. E’ cosi’ emerso che la ventenne, era stata convinta dal padre a raggiungerlo in Italia attratta dalla prospettiva di una vita migliore. Appena giunta a Catania, pero’, il genitore, con la complicita’ dello zio, l’ha costretta a prostituirsi, sottranedole i documenti. I soldi dovevano essere consegnati al padre che li spartiva con la sua convivente e il fratello.

L’operazione ha consentito di liberare anche altre due vittime, romene di 28 e 30 anni. I tre arrestati, tutti con precedenti penali, sono accusati di sfruttamento della prostituzione, tratta di persone e riduzione in schiavitu’. Nei confronti della 34enne denunciata, l’accusa di concorso per il reato di sfruttamento della prostituzione, in quanto ritenuta responsabile di aver fornito indicazioni agli arrestati circa i movimenti della ventenne mentre era sulla strada. Analoghi i risvolti di un secondo episodio. Protagonisti sempre romeni: in manette un 46enne per sfruttamento della prostituzione; sottoposto all’obbligo di dimora un 51enne pregiudicato italiano. Hanno costretto due ventenni reclutate in Romania, a prostituirsi in viale Ionio. Anche in questo caso, le due giovani sono state private di ogni liberta’. (AGI) .



   

 

 

1 Commento per “Romeno picchia e segrega la figlia per costringerla a prostituirsi”

  1. Strano…

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -