Cassazione: reato di immigrazione clandestina non contrario a Costituzione e direttive UE

clandest8 giu –  Ecco, finalmente una pronuncia che chiarisce definitivamente (o quasi) che il reato di ingresso e permanenza illegale sul territorio italiano è conforme alla nostra Costituzione e non contrasta con la Direttiva UE 115/2008.

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 24877/13 ha confermato la pronuncia di secondo grado che ha inflitto la pena pecuniaria di 5000,00 euro a un extracomunitario che, in violazione dell’art. 10bis del D.Lgs. n. 286/1998, dimorò in territorio italiano senza essere provvisto di permesso di soggiorno.

Cosa alquanto rara, contro la pronuncia di secondo grado vi fu l’impugnazione del Procuratore Generale, il quale argomentò contro la sentenza d’appello, affermando che la norma in questione contrastava con la nostra Costituzione e le norme europee. Conseguentemente doveva essere esclusa la penale responsabilità dell’imputato.

I giudici di legittimità però non hanno condiviso questa impostazione e, confermando la sentenza di condanna, hanno enunciato chiaramente il principio secondo il quale, la norma che prevede il reato di immigrazione clandestina “non punisce una condizione sociale” (la condizione di straniero), ma una precisa condotta penalmente rilevante: l’essere, lo straniero, penetrato nel territorio nazionale illegalmente, e cioè in violazione delle norme che regolano i flussi migratori, che lo Stato italiano è legittimato a controllare.

Ogni ulteriore commento, a questo punto, mi pare davvero superfluo.

criticalibera



   

 

 

3 Commenti per “Cassazione: reato di immigrazione clandestina non contrario a Costituzione e direttive UE”

  1. Non siamo più padroni a casa nostra!E proprio vero che un popolo viene distrutto più dalle proprie leggi che da una guerra persa.

  2. Bene, a questo punto cosa aspettiamo a cacciarli tutti ?

  3. Non si possono cacciare, lo Stato ha firmato con altri stati…lo Stato italiano guadagna, noi con le nostre tasse manteniamo lo straniero che di conseguenza nonostante sia entrato illegalmente nel nostro paese ha il diritto di prendere 40 euro al giorno compreso un pacco di sigarette….
    E pensare che ci sono i nostri cari nonni pensionati che prendono se ce la fanno una pensione di 500 euro al mese….e hanno lavorato tutta una vita!!!!
    Qui in Italia si parte dal presupposto IO VOGLIO, TU DEVI!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -