Unicef: dare subito la cittadinanza a bambini nati in Italia

Condividi

 

unicef10 apr – ”E’ inaccettabile che i bambini nati in Italia non abbiano la cittadinanza. Ci siamo battutti piu’ volte su questo punto, realizzando anche un manifesto che e’ stato sottoscritto da Bersani”.

Lo ha detto il presidente dell’Unicef Italia, Giacomo Guerrera, durante la presentazione del rapporto Unicef sul benessere dei bambini nei paesi ricchi, tenutosi questa mattina a Roma. asca

Condividi l'articolo

 



   

2 Commenti per “Unicef: dare subito la cittadinanza a bambini nati in Italia”

  1. dare subito cittadinanza ai bambini stranieri? e chi lo dice? voi unicef? e chi vi paga? noi no?,bene allora invece d’imporre a noi che dobbiamo dare la cittadinanza SUBITO come fosse un ordine,datelo anche agli altri Stati,compresi quelli da dove arrivano tutti questi immigrati,dite loro di dare SUBITO la cittadinanza a tutti i bambini che nascono da genitori stranieri,ed allora ne parleremo,tramite un referendum,e’ il popolo che deve decidere se cambiare la nostra Costituzione,perche’ signori dell’unicef,se non lo sapete,la nostra Costituzione non la prevede,dice che bisogna dare la cittadinanza SUBITO solo a quelli che hanno almeno un genitore italiano… e poi una domanda:- perche’ la volete imporre solo al popolo italiano codesto ultimatum? perche’ non imponete anche al resto dei paesi europei? Forse che siamo i piu’ minchioni? Sapete che significa dare la cittadinanza a tutti ? Mantenerli dalla culla alla morte,significa che possono un domani da adulti,anche se non abiteranno in Italia imporci le loro preferenze al governo,e imporci le LORO LEGGI….non siamo cosi’ sciocchi come popolo,come certi politici o certe organizzazioni…tipo la vostra!! e non e’ per razzismo,ma per amore di Patria e di LIBERTA’,VEDIAMO NEL FUTURO NOI non solo il presente come voi!

  2. luciana maloni

    non mi sembra che la NOSTRA Costituzione lo preveda!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -