La UE regala 2,3 milioni di euro per creare sviluppo nel Maghreb

Condividi

 

wc03 APR – Si chiama DiaMed il progetto targato Ue appena partito ad Algeri, per ”sostenere la creazione di attivita’ e sviluppo nel Maghreb – migrazione al servizio dello sviluppo locale”. Questo progetto, riferisce il sito web di Enpi (www.enpi-info.eu), finanziato dall’Ue con un budget di 2,3 milioni di euro, cerca di contribuire allo sviluppo locale e a rafforzare la creazione di nuovi imprenditori nei Paesi del Maghreb entro il 2015, attraverso attivita’ di sostegno a progetti di investimento, trasferimento di innovazione, training e formazione, ma anche assistenza personalizzata.

I sei partner del progetto arrivano sia dalla sponda Sud che dalla sponda Nord del Mediterraneo: Ader Me’diterrane’e (Associazione per lo sviluppo dell’istruzione e della ricerca nel Mediterraneo), ACIM (la rete di professionisti nella creazione e sviluppo di piccole imprese e Pmi in Africa, Europa e Mediterraneo) e ANIMA dalla Francia; Me’dafco Consulting dall’Algeria, la Fondation Cre’ation d’Entreprises dal Marocco e CONECT (Confederazione delle imprese dei cittadini tunisini) dalla Tunisia.

Il progetto, gestito dalla delegazione Ue in Algeria, si muove sulla base di cinque interventi: rafforzare la professionalita’ degli attori di sostegno locale alla creazione di attivita’; incoraggiare e assistere la diaspora dei Paesi del Maghreb a cominciare attivita’ economiche nei Paesi di origine; formare giovani imprenditori del Maghreb per migliorare la loro visibilita’ e sviluppare la loro esperienza per costruire un progetto internazionale; rafforzare le capacita’ degli imprenditori nel settore delle tecnologie verdi; formare giovani laureati dei Paesi del Maghreb nella gestione di aziende innovative, aprendogli anche il mondo delle Pmi. (ANSAmed)

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -