Caos M5S: Crimi e Lombardi divisi sui “dissidenti”; chiude il forum web di Roma

grilliD

18 mar. – Polemiche e tensionui all’interno del Movimento Cinque stelle dopo il voto dato al candidato del Pd in Senato da una quindicina di grillini contro la volonta’ di eppe Grillo. Un vero e proprio ‘schiaffo’ al leader del movimento che rischia di essere vittima di una crisi di nervi e che ha portato in queste ore alla chiusura temporanea “per manutenzione dalle ore 00.01 di lunedi’ 18 marzo 2013 alle ore 07.00 di lunedi’ 25 marzo 2013” del forum del M5s di Roma.

A partire dai due portavoce, Vito Crimi e Roberta Lombardi, uno ‘comprensivo’ con chi si e’ dissociato e l’altra intransgente.
E’ vero, riconosce Crimi, che votare per Grasso a presidente del Senato “e’ sicuramente una violazione del regolamento del nostro gruppo parlamentare”.

“Nella votazione di oggi per la presidenza del Senato e’ mancata la trasparenza. Il voto segreto non ha senso, l’eletto deve rispondere delle sue azioni ai cittadini con un voto palese. Se questo e’ vero in generale, per il MoVimento 5 Stelle, che fa della trasparenza uno dei suoi punti cardinali, vale ancora di piu’. Per questo vorrei che i senatori del M5S dichiarino il loro voto”. Cosi’ sul blog di Beppe Grillo, dopo il voto per la presidenza del Senato. “Nel ‘Codice di comportamento eletti MoVimento 5 Stelle in Parlamento’ sottoscritto liberamente da tutti i candidati – prosegue il blog di Grillo – al punto Trasparenza e’ citato: – Votazioni in aula decise a maggioranza dei parlamentari del M5S. Se qualcuno si fosse sottratto a questo obbligo ha mentito agli elettori, spero ne tragga le dovute conseguenze”.

Conferma “in ogni parola quanto scritto da Beppe Grillo nel suo minipost”, e dunque “chi viola il regolamento del gruppo automaticamente si puo’ ritenerne escluso”. Ma Vito Crimi, che il gruppo dei grillini al Senato lo guida, anche se la formalizzazione arrivera’ a meta’ settimana, come per tutti gli altri gruppi parlamentari, confessa che “non me la sento, in questo caso specifico, di crocifiggere o mettere alla gogna chi ha fatto questa scelta, sia perche’ e’ stato il primo vero appuntamento con questa realta’, sia perche’ ho vissuto in prima persona come e’ maturata in alcune persone questa scelta”. Riconosce, Crimi che “siamo caduti in una trappola, e’ inutile nasconderlo, dei vecchi volponi della politica. Avremmo dovuto capirlo subito, ma noi siamo cosi’, ingenui, entusiasti”. E allora, “spero che tutti quelli che hanno chiesto la testa di queste persone si rendano conto della pressione che stiamo subendo, della situazione fuori dall’ordinario in cui ci si trova, catapultati in un mondo in cui siamo come degli alieni, le famiglie lontane, mille pensieri per la testa”.

Proprio mentre il loro capogruppo, Vito Crimi, chiede comprensione e invita ad evitare crocifissioni mediatiche e politiche, interviene, sempre da Facebook, anche la capogruppo designata M5S alla Camera. E la posizione di Roberta Lombardi sul caso del voto al Senato e’ molto piu’ asciutta: “Come cittadina e come portavoce del Movimento 5 Stelle – scrive infatti – mi piacerebbe che i miei colleghi senatori che hanno votato Grasso dichiarassero in trasparenza il loro voto e le loro motivazioni per permettere a tutti – sottolinea – di giudicare il loro operato con serenita’”.
.



   

 

 

1 Commento per “Caos M5S: Crimi e Lombardi divisi sui “dissidenti”; chiude il forum web di Roma”

  1. massimo bonaiti

    siete solo dei buffoni……come i vecchi.
    visto che mammina vi ha accompagnato il primo giorno al quirinale,avete anche telefonato a mamma ,cosa devevate votare? SIETE RIDICOLI come grillo.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -