Cassazione: “Poco sesso? Giusto chiedere separazione”

Condividi

 

31 mag – Se la coppia a letto non funziona e’ giusto prendere strade diverse. La mancanza di un’intesa sessuale rappresenta una “giusta causa” per abbandonare il tetto coniugale: per questo, chi lascia il coniuge, non vivendo con lui un rapporto “sereno e appagante”, non rischia di vedersi addebitata dal giudice la colpa della separazione.

E’ quanto si evince da una sentenza con cui la prima sezione civile della Cassazione ha rigettato il ricorso di un uomo che chiedeva l’annullamento delle pronunce di merito che avevano stabilito un assegno di mantenimento di 2.500 euro mensili a favore della sua ex moglie. L’uomo, in particolare, aveva presentato ricorso contro una sentenza della Corte d’appello di Bari, che aveva confermato l’assegno per la moglie separata.

In Cassazione, il ricorrente aveva sottolineato, tra l’altro, che le “problematiche sessuali” fossero “riconducibili alla moglie”, della quale rilevava una “grave indisponibilita’ e non ‘recettivita””. A suo parere, era stata lei sola a determinare “la crisi della coppia”.  agi

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -