Trump: “l’Europa deve 100 miliardi per pareggiare gli aiuti Usa all’Ucraina”

Trump

Trump sui social: l’Europa dovrebbe 100 miliardi per pareggiare gli aiuti Usa all’Ucraina

“Gli Stati Uniti stanno pagando la maggior parte dei soldi per aiutare l’Ucraina a combattere la Russia. L’Europa dovrebbe almeno pareggiare! Devono più di 100 miliardi per farlo”. Così l’ex presidente americano Donald Trump su Truth, accusando l’attuale presidente, Joe Biden, di non averlo “mai nemmeno chiesto”.

Trump si prende il merito di aver rafforzato la Nato che, sostiene, “probabilmente non ci sarebbe più se non ci fossi stato io come presidente”. Grazie al suo pressing, afferma, sull’Alleanza “sono piovuti miliardi di dollari”.
www.rainews.it/maratona/2024/07


Zelensky: “Sono molto grato personalmente al presidente Biden, ma oltre il 70% dei soldi destinati all’Ucraina è rimasto negli Stati Uniti ». https://t.me/letteradamosca/18646

L’Ucraina compra miliardi di debito pubblico USA

(https://www.piccolenote.it) – Sorpresa: l’Ucraina sta comprando debito americano. E lo sta facendo in forma massiccia. I dati ufficiali del Dipartimento del Tesoro a stelle e strisce sottolineano che a partire dal luglio 2022 è iniziata una corsa all’accaparramento di Treasury Bonds (T-Bonds) da parte del governo di Kiev: da 7,9 miliardi di dollari nel luglio 2022 l’Ucraina è salita a 21,4 miliardi nello stesso mese di quest’anno, una crescita del 173% in una fase anomala contraddistinta dal picco della spesa bellica per la guerra contro la Russia e dell’assistenza finanziaria occidentale.

I T-Bonds di Kiev

Insomma, l’Ucraina compra in un anno 13,5 miliardi di dollari di debito americano. Non abbiamo modo di sapere, dai dati del Dipartimento del Tesoro, se parliamo delle securities a breve, media o lunga scadenza, ma un dato è certo: una parte sostanziale dell’assistenza fornita da Washington a Kiev ritorna oltre Atlantico sotto forma di finanziamento al colossale deficit americano, alimentato in questa fase da spesa bellica, lotta all’inflazione e politiche industriali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *