“Siamo incompetenti”, gestione Pnrr: arruolati esperti in cinema e laureati in lingue

brunetta green pass geniale

Una vicenda gravissima che dà un’ulteriore cifra del governo che abbiamo. Ricordate il maxi concorso voluto dal ministro Renato Brunetta per reclutare esperti da affiancare alle amministrazioni del Sud perché gestiscano meglio le risorse dell’Europa destinate al Pnrr (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza)? Ecco cosa è successo: sono arrivati a vincerlo in 821 e ora serve un nuovo concorso per reclutarne altri 2022.

Come riporta Il Fatto Quotidiano, “gli espertissimi del ministro della P.A. vogliono sapere quali amministrazioni li assumeranno, ma soprattutto chi si farà carico di formarli. Ché ‘considerato come ha funzionato questo concorso, per la maggior parte siamo inesperti e lo sanno pure i sassi’, si sfoga in chat una candidata che ha vinto la selezioni e si è rivolta al Comune di Foggia per sapere quando dovrà prendere servizio”.

Gestione Pnrr, l’esperta in cinema

“Sapendo che non ho la minima esperienza (quelli del comune, ndr) si sono messi le mani nei capelli”, dice ancora. Un caso isolato? Macché. Scrive ancora Il Fatto: “Le risponde un altro che come lei ha agguantato il contratto come tecnico specializzato in politiche della coesione: ‘Tranquilla, sei in ottima compagnia: io vengo dal Dams e ho una specializzazione in cinema. Al più ci metteranno a fare le fotocopie’. Un’altra mette le mani avanti chiarendo con i colleghi cosa ha già anticipato ai funzionari del Comune di Cagliari dove prenderà servizio: ‘Io sono stata chiara al telefono: ho già detto che non ho esperienza in materia di rendicontazione e quindi ho bisogno di un minimo di formazione’”.

E ancora. Un’altra vincitrice del Concorsone si sfoga: “Mi hanno chiamato dal Comune di Trapani per dirmi di rendermi disponibile per un colloquio. Mi hanno chiesto cosa sapessi di rendicontazione visto che la mia laurea in lingue non c’entra molto”. Tutti si sfogano perché a un contratto di 3 anni non si può mica rinunciare. Ecco, dunque, chi dorvà gestire secondo Brunetta i fondi del Pnrr.

Ma come è stato possibile tutto questo? “In realtà all’inizio il Concorsone era davvero roba per esperti dove pesavano titoli di studio, specializzazioni e soprattutto competenze specifiche nel settore delle politiche di coesione da certificare puntualmente sulla piattaforma Step One gestita da Formez. Infatti dei 70mila che si erano affrettati a compilare la domanda, solo 8528 erano passati alla seconda fase, quella dei test scritti, che però sono stati il solito macello: domande sbagliate, refusi, tablet non funzionanti o che hanno fatto cilecca al momento dell’inserimento delle risposte ai test”.

Risultato: “Solo poche decine sono arrivati a totalizzare il punteggio richiesto, ma poi c’è stato il colpo a sorpresa. Il ministero ha riammesso quelli che alla prima scrematura erano risultati sprovvisti dei titoli o delle competenze a cui è stato poi riservato un altro test di prova. Con il risultato che la gran parte degli 821 che alla fine hanno vinto il concorso sono proprio quelli riammessi con l’aiutino. E quelli con più competenze? Esclusi e lasciati a casa. Inutile finora ogni tentativo di recuperarli”. Ora si attende una risposta di Brunetta al Fatto e a tutti gli italiani.  https://www.ilparagone.it

Condividi