Toti: “No vax sono i persecutori. Sono i nostri talebani”

toti lockdown solo per i non vaccinati

Scoppia nuovamente la polemica social tra il presidente della Regione Giovanni Toti e i “no vax”. Il Governatore ha replicato ai tanti commenti negativi arrivati sulla sua pagina Facebook, sotto un post dedicato alla recente crisi in Afghanistan dove, nelle ultime ore, i Talebani sono entrati a Kabul. Toti aveva criticato la fuga precipitosa di tutte le rappresentanze occidentali. Sotto al post sono arrivate molte critiche da parte di persone contrarie al vaccino che hanno attaccato Toti, il quale ha poi replicato.

Integratori alimentari Free Health Academy

I no vax sono i persecutori

“Leggo molti commenti assurdi di “no vax” – ha scritto Toti – che paragonano i diritti negati in Afghanistan dai talebani al diritto di non vaccinarsi in Italia. Basta dire idiozie! Vi spiego esattamente come la penso: i no vax italiani non sono i perseguitati, sono i persecutori. Sono i nostri talebani, che vogliono negare il diritto di tutti a una vita normale. La libertà è quella di vaccinarsi e tornare a vivere. E ora insultate pure. Per fortuna viviamo in un Paese dove le cazzate non sono reati. Buon Ferragosto”.

Al presidente della Regione sono poi arrivate centinaia di risposte, da una parte molti cittadini che hanno approvato le sue parole e dall’altra altrettanti che hanno invece tratteggiato le nette differenze tra la situazione in Afghanistan e i discorsi legati a vaccini e green pass.  www.genovatoday.it

Condividi