Covid, sindaco di Borgosesia: ordinanza contro la delazione

Un’ordinanza contro gli spioni. E’ l’iniziativa del sindaco di Borgosesia, Paolo Tiramani. “Ho deciso (dopo averci pensato lungamente) di fare un’ordinanza contro i delatori da DPCM. Sono stufo… non è giusto ricevere continue segnalazioni che fanno perdere tempo prezioso al nostro Corpo di Polizia Municipale”, scrive su Facebook.

“Chi farà una segnalazione totalmente infondata, sarà passibile di multa. No ai finti spioni, si a controlli efficaci per prevenire situazioni di assembramento”, aggiunge. “Primi in Italia? Forse. È giusto però prevenire questo degrado culturale voluto dal governo…”, conclude.

19 ottobre 2020 –  400 euro di multa e una denuncia per epidemia colposa. Tanto è costata a una torinese di 65 anni, residente nel quartiere Mirafiori, un’interpretazione molto personale delle norme anti-contagio. La donna – da sola in casa dopo il ricovero del marito e del figlio per covid e come loro positiva al virus – non ha rispettato l’isolamento uscendo più volte a buttare l’immondizia. Sono stati i vicini a segnalare gli episodi alla polizia.

Condividi