Scuola: Azzolina, ”Bella ciao’ parte della cultura italiana contro gli estremismi”

Il brano ‘Bella Ciao’ è parte del patrimonio culturale italiano, noto a livello internazionale, tradotto e cantato in tutto il mondo. È un canto che diffonde valori del tutto universali di opposizione alle guerre ed agli estremismi. Lo sottolinea la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, rispondendo ad un’interrogazione del deputato di Fratelli d’Italia e vicepresidente della Camera, Fabio Rampelli.

La richiesta dell’esponente di Fdi trae spunto dalla notizia che “presso le scuole medie dell’istituto Ottaviano Bottini di Piglio, l’insegnante di musica” ha assegnato “‘da eseguire Bella Ciao simbolo della Liberazione che abbiamo festeggiato il 25 aprile’, ignorando che, mentre tale data rappresenta oggettivamente la liberazione dell’Italia dalla dittatura e dall’occupazione nazista, l’inno partigiano è divisivo perché rappresenta –appunto– una parte politica ben definita, purtroppo protagonista anche di violenze efferate e ingiustificate, anche nei confronti di civili, preti, donne e bambini”.

Inoltre Rampelli lamenta che la docente “ha sporto denuncia per minacce ad avviso dell’interrogante inesistenti” contenute in un post di Facebook di Fratelli d’Italia Piglio, che definiva “inaccettabile far cantare ‘Bella ciao’ a dei 13enni”, chiedendo inoltre di assegnare “agli alunni anche un compito sui loro coetanei Giuseppina Ghersi, stuprata e uccisa da alcuni partigiani savonesi oppure Rolando Rivi, torturato, seviziato e infine assassinato da una banda di partigiani comunisti sull’Appennino modenese”. adnkronos

Sgarbi sulla Ghersi: «Partigiani assassini. Violentare una ragazzina di 13 anni è un crimine»

L’opinione di Vittorio Sgarbi sulla faccenda di Giuseppina Ghersi: «Partigiani assassini. Violentare una ragazzina di 13 anni è un crimine». I cosiddetti “partigiani” dell’Anpi hanno giustificato l’orrore commesso contro questa bambina accusandola di essere una fascista.

Trucidò 54 innocenti, ritirata medaglia al partigiano Teppa

  Il partigiano ha ricevuto la «Medaglia della Liberazione», un riconoscimento «sponsorizzato» dall’Anpi per il suo impegno negli anni della Resistenza. Una medaglia che il prefetto Eugenio Soldà dovrà ritirare per ordine del Ministero della Difesa. Il suo nome di battaglia, «Teppa», è di quelli che la Storia non può dimenticare, scrive il Corriere del…

Commemorazione del Cernaieto: partigiani, la sistematicità dell’orrore

  Sabato 7 maggio, si è tenuta nel bosco di Cernaieto la dodicesima commemorazione delle 24 persone ivi assassinate il 26 aprile 1945. In una splendida mattinata di sole, all’ombra della Croce è stata recitata la preghiera per i Caduti Militari per poi procedere alla Benedizione di tutti i Martiri, con la guida spirituale di…

PRODEZZE PARTIGIANE, come i liberatori trattavano le donne catturate

  di Gianfredo Ruggiero Giuseppina Ghersi era una bambina di appena 13 anni quando fu picchiata, stuprata e uccisa dai partigiani con l’accusa di essere al servizio del regime fascista. Studentessa delle magistrali alla “Rossello” di Savona scrisse un tema che la maestra inviò al Duce ottenendone i complimenti: questa la sua colpa. La mattina…

Condividi