Obamagate, Trump colpisce duro su pedofilia e satanismo

Di Gianmarco Landi

Ieri in Italia sono scattate perquisizioni in tutto il territorio nazionale che hanno coinvolto 15 regioni, in ognuna delle quali sono state individuate alcune reti di pedofili impegnate a scambiarsi e a produrre materiale pedopornografico osceno e finanche sanguinario. Oltre 50 le perquisizioni e gli arresti per detenzione, diffusione e in alcuni casi addirittura produzione di materiale definito dai media ‘sadico’. Ma è appropriato parlare di certi fenomeni limitando il tutto alla sessualità e al sadismo, oppure i media italiani potrebbero voler attuare una scientifica disinformazione ossequiosa verso le ‘buone creanze’ radical chic, limitandosi nell’uso di un aggettivo non asettico politicamente?

Narrare certi fenomeni di malvagità assoluta chiaramente satanista, relegandole a delle semplici manifestazioni di sadismo, a me pare voler riconoscere un qualche riguardo verso le elite coinvolte, che infatti sono intrise di cascami ideologici esoterici, pregni di livore anticristiano che il mainstream cerca di sottacere.

Secondo me non ci si può limitare a cogliere in questi episodi solo una qualche manifestazione della libido a scapito degli esseri umani più deboli della Società perché vi è molto di più sotto. Quando i media italiani omettono di considerare il contenuto valoriale, culturale e politico profanato dal ‘satanismo’, non descrivono esattamente il fenomeno così oscurando all’attenzione dei popoli la portata enormemente violenta ed offensiva che sta intercorrendo tra due parti in lotta che, in senso di morale giudaico cristiana, possiamo definire il Male contro il Bene.

Osservo, infatti, che se i media parlassero di esercizi satanisti e valori anticristiani porterebbero danno alle elite della Globalizzazione, la cui commistione ideologica tra il duo radicalismo e considerazione della vita umana, e il duo satanismo e sacrifici di bambini, devasterebbe tutte quelle posizioni in materia di radicalismo globale, come  ad esempio il diritto dei funzionari pubblici di strappare un bimbo ai genitori per obblighi di vaccinazione o situazioni di indigenza economica, che si intendono risolvere con diavolerie come ad esempio dando 10 mila euro al mese dei nostri soldi ad estranei genitori adottivi, anziché mille euro al mese ai genitori naturali indigenti.

Ed è proprio per questi motivi che i media italiani ieri hanno dato la scabrosa notizia edulcorando un bel po’ il profilo della degenerazione morale, culturale, valoriale e politica emersa in questi tempi di svelamento di cosa effettivamente significhino Globalizzazione e Unione Europea, nei cui ambiti la presunta ‘avanzata’ e ‘civile’ Germania, sin da inizio settimana scorsa, ci proponeva il suo tessuto sociale innervato di oltre 30 mila casi sospetti di pedofili in attività, alcuni dei quali in trame pedo-sataniste raccapriccianti.

L’inchiesta tedesca era iniziata ad ottobre 2019 con l’arresto di un sospetto a Colonia, poi condannato a 10 anni e subito internato in una struttura psichiatrica per un periodo tuttora indefinito. La Germania è il centro europeo del fenomeno più osceno che io riesca a concepire, e quantunque i media cerchino di silenziarne i contenuti, la frequenza degli arresti occorsa con l’arrivo dei 30 mila soldati americani questo inverno, è così intensa che anche i tedeschi più addormentati si stanno rendendo conto del livello di brutture umane alla radice del loro regime politico.

Si consideri, ad esempio, che solo negli ultimi 30 giorni a Munster, cittadina di appena 300 mila abitanti, sono state 11 le persone arrestate con l’accusa di aver abusato di bambini e filmato le loro azioni nell’ultimo mese, con tre vittime già accertate, di età compresa tra 5, 10 e 12 anni (ma ve ne sarebbero altre). Sempre ad esempio, a Lugde, a circa 130 chilometri da Munster, è stato svelata l’incredibile storia di un campeggio organizzato come in un film sceneggiato da Quentin Tarantino e diretto da Dario Argento, in cui negli ultimi anni alcune centinaia di adulti hanno abusato e quasi sempre ucciso centinaia di bimbi, nella totalità dei casi sottratti alle famiglie anche con modalità formalmente legali, e ovviamente oggi scomparsi, quantunque la loro brutta fine sia desumibile dal ritrovamento di filmati che riprendono torture agghiaccianti.

Il giro di depravazione che contraddistingue la rete di pedofili tedeschi credo sia motivato nel profondo da un sistema abusivo di potere poggiato sull’uso della finanza in Germania, al fine di poter prevaricare gli altri, e in questo preciso senso l’euro ha significato risvolti di morte a variegati livelli di disumanità, estesi a raggiera in tutta l’Unione.

PEDOFILIA IN GERMANIA: 30 MILA I PEDOFILI SOSPETTATI

Ma torniamo all’Italia e ad un aspetto che non è messo in luce nella sua importanza sistemica. Le cronache di ieri ci dicono che nel nostro Paese sono stati sequestrati dei file con immagini raccapriccianti che non si limitano alla sfera sessuale adulti-bambini, cioè alla pedofilia e ai danni fisici e psicologici inferti da alcuni adulti ad alcuni bimbi malcapitati e sottomessi all’abuso di una libido adulterata, poiché molti documenti, video e audio, ritrarrebbero situazioni di vere e proprie pratiche denominate sadismo, quasi i media volessero cancellare una matrice ‘religiosa’ satanista non citandola, e così tutelare le implicazione sulla liceità della rottura della morale cristiana sottese alla Sinistra più radicale.

I media ci riferiscono di sofferenze inferte a neonati coinvolgendo in queste angherie finanche degli animali, e quindi tra le righe possiamo comunque cogliere la natura di questi rituali molto sommariamente catalogati pedofilia e sadismo. La capillare attività di indagine esperita anche attraverso veri e propri pedinamenti virtuali, ha consentito di scovare le abominevoli persone dietro ai nickname pedofili, portandole allo scoperto grazie alla collaborazione arrivata di là dell’Atlantico, ufficialmente da parte della National Child Exploitation Coordination Center (NCECC) canadese, un ente che gode concretamente del supporto delle più alte tecnologie dello spionaggio governativo statunitense, di cui può beneficiare e godere la NSA. Questa collaborazione ha consentito di individuare primariamente gli scambi di materiale illegale condiviso a livello globali attraverso interazioni in rete e circuiti monitorati con altissimi e sofisticati livelli di spionaggio internazionale, e perciò ascrivibili di fatto alle precipue possibilità e volontà dell’Amministrazione Trump.

Il Presidente USA, sin dall’inizio del suo insediamento, ha sempre avuto l’obiettivo della lotta a questi crimini che vedevano consegnare centinaia di migliaia di bimbi ogni anni alle diaboliche spire delle libido più corrotte, alle tetre ‘piacevolezze’ sataniste oppure alle sperimentazioni del transumanesimo più radicale, a scapito di qualsiasi idea benevola sul valore della vita di un essere umano.

Anche questi fenomeni italiani o tedeschi sono epigoni, i più importanti come vi spiegherò nel seguito, dell’Obamagate, ed infatti ieri era il 4 luglio, cioè la giornata più significativa nella Storia degli Stati Uniti, e tutta la mattinata è stata segnata dal gossip velenoso sulla mise della First lady più discussa, coraggiosa ed europea d’America. Melania Trump con un perfetto stile enigmatico e bizzarro, mutuato da suo marito o forse a lui trasmesso – solo i due coniugi nella intimità della loro complicità lo sapranno – si è fatta scientemente insultare e deridere tutto il giorno del 4 luglio dagli operatori dei media per il suo abito molto particolare, per poi chiudere oggi la bocca a tutti i suoi detrattori facendo trapelare il senso profondo, nobile e vendicativo insito nella sua sortita fashion.

La splendida prima signora d’America ieri aveva sfilato in un abito bianco, il colore della purezza, tutto però scarabocchiato senza alcun senso di per sé evidente. Immaginate quindi tutte le malelingue dei media mainstream come si sono scatenate con alcuni tweet e articoli offensivi, moltissimi dei quali italiani, tutte esternazioni che oggi sono state ricacciate nelle loro gole improvvisamente seccate quando è stato svelato il significato degli scarabocchi apposti da un famoso stilista sul vestito: riproduzioni fedeli di alcuni disegni realizzati nel corso della loro tragedia da alcuni bambini prigionieri e sacrificati, che a quanto mi è stato detto da un uccellino ieri presente ai piedi del Monte Rushmore, sarebbero acclusi nei materiali probatori di contorno riferibile al processo sulle e mail di Hillary Clinton. In questo processo emergono accuse di crimini truculenti che inguaierebbero i vertici del Partito Democratico americano, e che dovranno ovviamente essere accertati dalla Corte di Giustizia competente a partire dall’interrogatorio a cui Hillary Clinton sarà sottoposta il 9 settembre prossimo, dopo oltre tre anni di efferata lotta giudiziaria attraverso cui la potentissima e astuta Hillary Clinton ha saputo sottrarsi ed eludere per oltre 3 anni.

Giova a questo punto considerare l’Obamagate che vede nella lotta a questi fenomeni di pedo-satanismo la sua nascita e la radice di ogni spietatezza nello scontro politico mondiale in atto.

Nel novembre 2016, dopo la vittoria di Donald Trump alle presidenziali americane, il membro del team di transizione designato da Trump per la sicurezza nazionale, il generale Flynn, lanciò dal suo profilo dei tweet con materiale accusatorio ‘atomico’ su Hillary Clinton e su tutti i vertici del Partito Democratico USA, Jonh Podesta e Barack Obama in primis. Flynn, che non certamente a caso era stato spiato da Obama a costo di commettere l’escalation di reati dell’Obamagate e del Deep State durante la campagna elettorale, postò argomenti scabrosi che supportavano delle accuse illo tempore apparentemente incredibili. Le accuse più lievi di Flynn ai Dem erano costituite da una montagna di miliardi di dollari in riciclaggio sporco, estesa corruzione politica e finanziaria, per poi crescere con una catena di 70 omicidi attribuiti ai Clinton, che accludeva l’ambasciatore di Libia e nemici di partito ostili ai radical, come il giovane Seth Rich, colui che diffuse le e mail di Hillary evidentemente non avendo idea dei pozzi di sangue e merda che contenevano, cioè le accuse che Flynn gettò in pasto alla Nazione in maniera nuda e cruda.

Il generale Flynn, durante la presidenza Obama, per alcuni anni era stato ai vertici di un’agenzia governativa potentissima, della cui importanza nel Mondo la maggioranza di noi è forse ignara: la National Security Agency (NSA). La NSA ha il potere di usare virus informatici, satelliti e quant’altro di altamente tecnologico per poter scandagliare anche retroattivamente la vita di chiunque di noi, e perciò il Generale Flynn aveva avuto in buona parte degli 8 anni di presidenza Obama un potere enorme, che forse non aveva mai avuto nessuno uomo sulla Terra. Flynn era stato in grado di sapere ogni cosa avessero fatto anche gli uomini più potenti e intoccabili della Terra, perché attraverso software sofisticatissimi e il ricorso ad intelligenza artificiale, questa Agenzia Federale poteva ricercare in un oceano di trillioni e trilioni di file audio e video in ogni angolo della Terra, quello che un qualsiasi tizio aveva fatto, magari anche 3 anni prima, in un qualsiasi angolo del Pianeta come ad esempio un’isola sperduta nei Caraibi, documentando tutto con dei file audio e/o video tangibili.

In particolare Flynn nella transizione Obama-Trump del 2016 accusò il responsabile della campagna di Hillary Clinton, nonché braccio destro di Barack Obama per gli 8 anni presidenziali appena trascorsi, John Podesta, di essere un santone satanista intento periodicamente a bere sangue e fluidi corporei di altri esseri umani, in particolare bimbi e giovanissime donne sacrificate nel corso di frequenti rituali satanici.

Sappiamo che Flynn fu quasi arrestato con abusivi metodi dell’FBI e dovette rinunciare ad entrare nell’Amministrazione Trump, poiché da quel momento in poi non solo i Dem misero sotto tutela e pericolo di impeachment Trump, ma trasformarono tutte queste vicende, note come Pizzagate, Comet Ping Pong, Epstein Island o Lolita Express, come teorie cospiratorie propalate da blogger farneticanti.

Questa accusa che nel 2016 sarebbe stata assurda e ridicola, non lo era perché perorata dal responsabile della Sicurezza Nazionale Usa del 2016, il generale Flynn con il suo back ground al vertice dell’NSA. Flynn fu subito silurato con il pretesto Russiagate, andando a costituire l’elemento portante accusatorio attraverso cui i Democratici intesero porre, sin dal 2016, sotto accusa Trump, con ciò avvalorando in realtà il senso incredibile della accuse di Flynn.

Negli ultimi mesi, con il ritorno a sorpresa di Flynn alla Casa Bianca, che mai aveva rotto con Pence o Trump anche se fu inscenata una violenta cacciata nel 2017, le cose si sono messe sempre peggio per i Democratici.

Ghislaine Maxwell è stata arrestata pochi giorni fa, e si tratta di un grande colpo perché lei era il braccio destro del magnate pedofilo newyorchese Jeffrey Epstein.La signora è finita in manette giovedì scorso con l’accusa di aver circuito, istruito e abusato di decine di ragazze minorenni. Si pensava fosse nascosta in Francia, e poiché ha almeno 3 passaporti e svariati conti in banca, con diversi milioni di dollari, nonché protezioni elevatissime, alcuni la credevano intoccabile e inafferrabile, atteso pure che negli anni di Obama aveva rappresentato gli Stati Uniti in alcuni consessi dell’ONU. Ed invece Maxwell è stata ‘acchiappata’ infliggendo un contraccolpo fortissimo per il fronte della Globalizzazione anche in Europa, dove un Governo francese, evidentemente poco leale e trasparente nei confronti di quello Americano, è stato ‘abbattuto’ improvvisamente questa settimana in maniera inspiegabile, se non si conoscesse il contesto intricato degli avvenimenti.

LA MAXWELL NEL CORSO DI UNA RIUNIONE DELL’ONU

La Fox News l’altro ieri ha riferito elementi di potenza detonante mondiale circa l’arresto della signora Maxwell, nota per essere stata la dolce metà di Epstein e l’amara strega per migliaia di bambine. Oggi si trova rinchiusa in un carcere della contea in New Hampshire ed è sorvegliata 24 su 24 ore: se la signora non deciderà di collaborare con il Dipartimento di Giustizia rivelando tutto quanto è accaduto nell’aereo e nell’isola di Epstein, sarà trasferita a New York, con il rischio che i livelli di attenzione e sorveglianza nei suoi confronti possano inavvertitamente calare di intensità e condurla al ‘suicidio’ come già accaduto al suo uomo.

Il procuratore e l’Avvocato Generale hanno annunciato che useranno tutti i mezzi possibili per non ripetere le stesse disattenzione di Epstein, perché la signora Maxwell è considerata la principale testimone dei traffici sull’aereo lolita express e sull’isola che prevede addirittura locali sotterranei all’interno dei quali sarebbero accadute esecuzioni pedo-sataniste di migliaia di bambini, stando a vecchie accuse di Flynn, ma anche tante giovani vergini non se la sono passata bene quando sono capitate nelle sue grinfie. L’FBI aveva perquisito la villa caraibica, definendola un’oasi blindata con docce per dieci persone, strutture sotterranee per fini sessuali, stanze per i massaggi, porte nascoste, oltre a un tempio misterioso. Clinton ha ammesso di aver fatto, all’inizio degli anni Duemila, alcuni viaggi all’estero a bordo del jet privato del finanziere, ma ha sempre negato ogni coinvolgimento in queste cose.

Bisogna però dire che con la ripresa del controllo dell’NSA dell’Amministrazione Trump, il Dipartimento di Giustizia ha il boccino del gioco in mano, perché può entrare in possesso delle registrazioni delle telecamere a circuito chiuso relative al bunker dell’isola, le quali intrecciate con le visioni satellitari e i registri di volo, potrebbero portare alle ricostruzioni esatte di quanto effettivamente accaduto su questa isola centinaia di volte, così obbligando i testimoni a parlare e dire il vero per primi.

La Fox l’altro ieri ha fatto anche il nome di Bill Gates in questa vicenda, e questa è una enorme novità unitamente all’affermazione della sussistenza di una decina di vittime che, a quanto detto dal Procuratore Generale di Giustizia, sarebbero disposte a testimoniare essendosi messe a totale disposizione in ragione di un protocollo di protezione dei testimone ancora più sofisticato di quello adoperato per la lotta alle mafie e ai cartelli della droga.

Fra le persone che potrebbero essere danneggiate e finire in carcere da una collaborazione di Maxwell con la Giustizia c’è anche il Principe britannico Andrea, una sfilza di banchieri, politici, alcune altre case reali europee e imprenditori multimiliardari, tra cui parrebbe essersi distinta Lynne de Rothschild, assidua frequentatrice dell’isola di Jeffrey Epstein.

Stando a molteplici accusatori, Bill Clinton sarebbe stato aduso a divertirsi non con bambini, ma con adolescenti. Queste accuse dovranno però essere accertate nel corso del processo che inizierà indirettamente il 9 settembre prossimo a sua moglie, per la storiaccia delle e mail distrutte, ma di cui pare l’Amministrazione Trump sia entrata in possesso nella loro interezza negli ultimi mesi.

Considerate che in casa Epstein c’è un imbarazzante quadro molto grande che raffigura l’ex presidente Clinton adagiato su una poltrona con le gambe accavallate sul bracciolo, un abito da donna blu e un paio di scarpe rosse con i tacchi, esplicitando in tal guisa un chiaro riferimento al look di Monica Lewinsky nel giorno della famosa fellatio consumata nello Studio Ovale, e di cui tanto si parlò negli anni 90, mentre il Mondo prendeva all’unisono una direzione chiamata Nuovo Ordine Mondiale (Globalizzazione). Credo che quel quadro possa simboleggiare nelle pagine della Storia i 25 anni di Globalizzazione su cui oggi il Mondo è ferocemente diviso. Questa divisione non è certo una bella cosa, perché comporta guerre biologiche, arresti, crisi economiche globali, ansie sociali, manifestazioni politiche di guerriglia radicale e quant’altro non si possa capire appieno nel senso storico politico, senza considerare una lotta che vedrà soltanto una parte vincere in un comandamento perentorio di Dio:
il Bene dell’Umanità vincerà, e può essere tale solo nel divieto di non fare ad un qualsiasi essere umano quello che non si farebbe a sé stesso.

Condividi

 

5 thoughts on “Obamagate, Trump colpisce duro su pedofilia e satanismo

  1. Una spiegazione chiara ed articolata di quello che c’è sotto, di tutto il marcio su cui si basano il NOM, la globalizzazione e le loro conseguenze (omosessualismo, genderismo, pedofilia, relativismo morale, ecc.).

    Dio ve ne renda merito. Prego per voi e per le persone che ancora portano avanti la Verità.

    WWG1WGA

  2. – Fammi un atto di adorazione – Disse satana a Gesù Cristo – ed io ti darò tutti i regni del mondo e la loro gloria. Questo fatto riportato nei Vangeli, spiega e conferma perfettamente le orribili efferatezze criminal sataniste commesse contro bambini sacrificati dai potenti della terra, cioè dalla corte terrena del “principe di questo mondo”.
    Il fatto che ora le pesantissime e legittime denunce dei coniugi Trump vengano alla ribalta della cronaca, conferma che viviamo i giorni di Maria, la distruttrice della testa del serpente
    Benchè io non sia per niente una Perpetua baciapile, invito tutti a recitare ogni giorno il Rosario, gentili amici. Questa è l’arma contro il demonio, come disse il Padre Pio di Pietrelcina.

  3. Ottimo! Unica precisazione doverosa:Flynn,dal 2012 al 2014,fu a capo non dell’NSA ma della DIA-Defense Intelligence Agency- la superstruttura di intelligence militare…

  4. Pens sarebbe molto utile tradurre in italiano le 12 serie conosciute con il nome THE FALL OF CABAL. Di cui il Vs. articolo anticipa qualche cosa

Comments are closed.