Insultata e minacciata perché obesa, 12enne in ospedale

Insultata in chat private su Instagram e con post pubblici anche da profili falsi creati ad hoc per il suo aspetto fisico. Vittima di questi episodi di cyberbullismo una ragazzina di 12 anni di Napoli che, a causa degli atti persecutori, è diventata inappetente e ha accusato un malore tanto da essere costretta a recarsi in ospedale. La madre della ragazzina, anche lei vittima di insulti e minacce dopo il suo intervento per difendere la figlia, ha deciso di denunciare il tutto ai carabinieri tramite l’avvocato Sergio Pisani.

Il rapporto tra la vittima e i cyberbulli, individuati in un 14enne e una 13enne, era nato come un rapporto d’amicizia pochi mesi prima, ma ben presto i due hanno iniziato a insultarla sui social, attraverso messaggi privati, video e pubblicazioni di foto della 12enne apostrofata in quanto “obesa”.

La ragazzina ha trovato la forza di raccontare tutto alla madre, nei cui confronti i due giovanissimi non hanno risparmiato insulti, sempre attraverso profili falsi, con tanto di minacce di azioni violente. L’avvocato Pisani ha raccolto gli screenshot dei messaggi ricevuti dalla ragazzina su Instagram, allegandoli alla denuncia ai carabinieri assieme al referto dell’ospedale.  adnkronos

In povertà un italiano su 4. Boldrini lancia la “lotta all’obesità”

Condividi