Cantone nuovo procuratore di Perugia, sarà lui a indagare su Palamara

Il nuovo procuratore di Perugia è Raffaele Cantone, l’ex presidente dell’Anticorruzione. Ma la decisione di affidargli la procura titolare dell’inchiesta su Luca Palamara, quella che ha terremotato il Csm, ha portato il Csm stesso a spaccarsi, dividendosi. Infatti la minoranza ha votato per Luca Masini, procuratore aggiunto a Salerno. Per intendersi, con la riforma del Csm del ministro Alfonso Bonafede, la nomina di Cantone sarebbe stata impossibile: una norma vieta a chi è stato fuori ruolo di candidarsi a incarichi direttivi per 2 anni.

Nel dettaglio, a favore di Cantone hanno votato le toghe progressiste di Area, oltre ai laici di tutto lo schieramento: è la prima volta che questo accade in un Csm. Masini, candidato di minoranza, ha invece ottenuto il sostegno dei togati di Autonomia e Indipendenza e di Magistratura Indipendente. Si sono infine astenuti i togati di Unità per la Costituzione. Il fatto che il Csm si sia diviso, in definitiva, in controluce mostra quali siano i timori dell’organismo: cosa altro può uscire dall’inchiesta nata dalle intercettazioni a Palamara?  liberoquotidiano.it

Chat magistrati, Palamara contro il Pm Rossi: “Così indebolisce Renzi”

Palamara era il trait d’union tra Luca Lotti, uno degli indagati, Matteo Renzi e l’allora capo della procura di Roma Giuseppe Pignatone

Palamara: caffè con Lotti e Renzi, per entrare in lista Pd alle Europee

Caso Palamara: caffè con Lotti e Renzi, per entrare in lista Pd alle Europee. Il caso Palamara non smette di essere di stretta attualità, dalle intercettazioni agli atti del processo di Perugia, che vede l’ex boss di Unicost protagonista di continue mediazioni per le nomine dei magistrati nei ruoli chiave, spuntano anche interessamenti di Palamara…

Inchiesta su Palamara porta ai renziani del Giglio Magico

Porta al Giglio magico l’inchiesta di Perugia sul caso Palamara. Erano tutti renziani: Cosimo Ferri, Luca Palamara e Luca Lotti

Condividi