Napoli, professore bisex ricattava studenti: “Sesso con me e passi l’esame”

Ricatti sessuali a ragazzi e ragazze in cambio del superamento di esami universitari. E’ questo che avrebbe fatto il professor A. S., dell’Università di Napoli – secondo l’indagine coordinata dall’aggiunto Giuseppe Lucantonio e condotta dalla Guardia di Finanza, il prof – si legge sul Corriere della Sera – avrebbe chiesto in più occasioni contropartite sessuali a studenti e studentesse garantendo il superamento a pieni voti dell’esame di Diritto processuale civile, o impegnandosi a raccomandarli ai suoi colleghi nel caso di prove di materie diverse dalla sua. Anche gli studenti coinvolti sono indagati, e tutti gli esami, se le accuse saranno confermate, sono destinati a essere annullati.

Gli episodi sarebbero accaduti sia alla Federico II che alla Giustino Fortunato, e in alcuni casi, il docente avrebbe addirittura evitato ai suoi studenti di sottoporsi all’esame falsificando i documenti che ne attestano l’avvenuto svolgimento.

In due circostanze , inoltre, S. sarebbe intervenuto anche per agevolare altrettanti candidati — sempre in cambio di contropartite sessuali — alla prova di abilitazione alla professione di avvocato. In alcuni uffici frequentati dal docente e dai suoi studenti sono state installate microcamere che hanno permesso di raccogliere anche materiale audiovisivo dal quale, secondo gli investigatori, emerge chiaramente la natura sessuale di più di un incontro.  affaritaliani.it

Condividi