Migranti, Guardia costiera smentisce il naufragio

“Il mezzo ripreso da un velivolo Frontex e segnalato quale pericolo per la navigazione, era un gommone alla deriva, in area Sar libica, senza motore, verosimilmente oggetto, nei giorni scorsi, di un intervento di soccorso avvenuto da parte delle competenti autorità libiche, che hanno successivamente lasciato il natante vuoto alla deriva, traendo in salvo i migranti che si trovavano a bordo”.

Lo precisa la Guardia Costiera “in merito al presunto naufragio di un gommone con migranti a bordo, reso noto ieri dall’Ong Sea Watch‘. “Dalle immagini trasmesse non si rileva la presenza di corpi, relitti o oggetti galleggianti in mare, nelle vicinanze del gommone né nell’area circostante, che possano far pensare ad un recente naufragio”, conclude la Guardia Costiera.  adnkronos

Ieri la tedesca Carola Rackete si era scagliata contro l’Europa per il naufragio (inventato). “Shame on you, Europe”. “Vergognati, Europa” vaneggiando del naufragio di un barcone tra Malta e Libia con numerosi morti. “Una barca è naufragata nella zona di soccorso maltese – aveva scritto Rackete -Le autorità europee conosco la situazione da ieri ma hanno deciso di non fare niente. Vergogna”.

Condividi