Eutanasia, Radicali cercano “attori protagonisti” tra i “malati terminali”

Condividi

 

Il video denuncia di Toni Brandi (Pro Vita & Famiglia) contro l’associazione Coscioni: “In quello spot inquietante c’e’ la verita’ del loro pensiero”

Roma, 15 ottobre 2019 – Sta facendo discutere il video in cui Toni Brandi presidente di Pro Vita e Famiglia contesta la campagna dei Radicali, che cercano “attori protagonisti” tra i “malati terminali”.

Lo scontro sul “fine-vita” non cessa d’interessare le cronache e Pro Vita & Famiglia, in attesa che la discussione sulla legge torni in Parlamento, attacca la pubblicita’-scandalo con cui “i professionisti della dolce morte” reclutano malati per evidenziarne dolori, storie e volonta’ di morire. Parole inquietanti quelle della campagna dell’associazione Luca Coscioni, arrivano anche a dire “fatevi vivi!” giocando con le parole, che val la pena ricordare e che sono passate troppo in sordina nel tempo.

Pro Vita & Famiglia sta ricevendo molte email di indignazione da parte delle persone che non ne conoscevano il contenuto e che ora si dicono “commosse” rallegrandosi “con chi ha il coraggio di dire la verita’” sulla strategia mortifera di certe idee politiche facenti parte della galassia radicale.

L’iniziativa di Pro Vita & Famiglia, che sta facendo il giro del web, punta a diffondere la cultura della vita contro quella dell’eutanasia legale che mira invece ad enfatizzare casi rari ed estremi per trasformarli in una legge che stravolga le mentalita’ e inauguri la deriva della morte di Stato.

Uff. Stampa Pro Vita e Famiglia
e Congresso Mondiale delle Famiglie

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -