Epidemia di colera in Sudan: 124 casi, 8 morti

22 settembre 2019 (KHARTOUM) – Il bilancio delle vittime del colera è aumentato a 8 morti nei due stati di Sennar e Blue Nile, secondo il ministero della salute sudanese. Tre giorni fa, le autorità sanitarie hanno confermato la diffusione dell’epidemia di colera a causa della delle condizioni dell’ infrastruttura fognaria del Paese. Funzionari sudanesi hanno riferito di 124 casi di colera, a seguito delle recenti inondazioni che hanno colpito il paese.

In una dichiarazione rilasciata domenica, il direttore del Dipartimento per il controllo delle emergenze e delle epidemie presso il Ministero della Salute, Babikir al-Maqbool, ha dichiarato che il numero totale di casi di colera dal 28 agosto a sabato ha raggiunto 158 casi, inclusi 115 casi nel Blue Nile State, e 43 nello stato di Sennar.

“Il numero di vittime è aumentato  a Sennar, portando il bilancio a otto casi, di cui sei nel Nilo azzurro e due a Sennar”, ha inoltre sottolineato. Al-Maqbool ha confermato che il Ministero sta seguendo da vicino la situazione sanitaria in tutto il paese, in coordinamento con le autorità sanitarie delle due aree, i partner sanitari internazionali e il gruppo MSF.

Il funzionario sudanese ha spiegato che gli sforzi compiuti dal Ministero della Sanità e dai partner mirano a controllare ed eliminare l’epidemia nel suo attuale spazio geografico e prevenirne la diffusione.

Inoltre, ha ammesso che la mancanza di mezzi finanziari ostacola i loro sforzi per prevenire la diffusione dell’epidemia, sottolineando gli sforzi compiuti dal Fondo umanitario del Sudan (SHF) per fornire le medicine necessarie.

Lo SHF, un meccanismo di finanziamento delle Nazioni Unite per le attività umanitarie, sta stanziando  7,6 milioni di dollari per le emergenze ed ha annunciato l’istituzione di un meccanismo per seguire la distribuzione delle forniture mediche e garantirne la consegna alle istituzioni sanitarie in tutti gli stati, in particolare nel Nord Darfur dopo i crescenti casi di malaria.

www.sudantribune.com

Condividi