Ricorso in Cassazione contro scarcerazione della Rackete

Condividi

 

La Procura di Agrigento è pronta a fare ricorso in Cassazione, opponendosi alla scarcerazione di Carola Rackete, capo missione della Ong “Sea Watch”. La Procura, con a capo Luigi Patronaggio, farà ricorso contro la decisione del Gip, Alessandra Vella.

I pm di Agrigento che hanno indagato e arrestato Carola Rackete non si arrendono e sono pronti al ricorso contro la decisione della gip che ha rimesso in libertà la comandante della Sea Watch 3 dopo la manovra spericolata con cui ha forzato il blocco a Lampedusa.



La procura guidata da Luigi Patronaggio starebbe per depositare l’istanza in attesa di interrogare di nuovo la capitana. La tedesca è infatti indagata per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e violazione del codice di navigazione. L’avviso di garanzia le era stato notificato il giorno prima del suo arresto e del suo attracco al porto di Lampedusa. La Rackete sarà interrogata il prossimo 18 luglio. (ilgiornale.it)



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -