Dalla UE danni fiscali all’Italia per circa 7 miliardi di dollari

Unione europea? In che senso? Perchè in questa Ue che racconta d’essere un’unione, nei fatti è un calderone con dentro regimi fiscali completamente differenti l’uno dall’altro e in aperto contrasto, al punto da provocare ingenti danni ad alcune nazioni e inediti profitti ad altre. La concorrenza fiscale messa in atto in alcuni paesi membri dell’Unone europea, vero e proprio dumping fiscale, si traduce per l’Italia in un danno economico tra 5 e gli 8 miliardi di dollari.

Lo ha sottolineato nella sua prima relazione al Parlamento nella vesta di presidente dell’Antitrust, Roberto Rustichelli. ”La concorrenza fiscale – ha detto – genera esternalità negative che costano a livello globale 500 miliardi di dollari l’anno, con un danno per l’Italia stimato tra i 5 e gli 8 miliardi di dollari l’anno”.  ilnazionalista.it

Condividi