Centinaio: “25 aprile monopolizzato da estrema sinistra, non ci vado”

Condividi

 

“Io ci credo alla festa del 25 aprile, eccome, ma non ho mai partecipato alle celebrazioni, perché non posso permettere a certa gente di contestare e polemizzare. Ci credo assolutamente in questa festa ma, purtroppo, è stata monopolizzata da una parte della politica. Mi riferisco ai centri sociali e all’estrema sinistra…”. Lo dice all’Adnkronos Gian Marco Centinaio, ministro leghista dell’Agricoltura. “Non ho mai partecipato alle celebrazioni del 25 aprile”, rivela l’esponente del Carroccio, che spiega: ”Io sono coerente: non l’ho fatto quando ero presidente di municipio a Pavia, non l’ho fatto da consigliere comunale, non l’ho fatto da vicesindaco della mia città, non l’ho fatto da senatore e non lo faccio da ministro”.

“Purtroppo – avverte Centinaio – le celebrazioni del 25 aprile sono diventate un momento in cui se tra i partecipanti c’è un esponente di centrodestra, diventa il bersaglio e viene fischiato, come sempre capita da 30 anni a questa parte. A Milano – ricorda – due anni fa hanno contestato la brigata ebraica, e ogni volta, in tutta Italia vengono fischiati sindaci e parlamentari di centrodestra. A Pavia, quest’anno, hanno già annunciato che verrà contestato il rettore dell’Università durante il suo intervento, semplicemente perché ha avuto la disavventura di invitare il ministro Centinaio…”.



”Per evitare polemiche – insiste Centinaio – preferisco non andare a nessuna iniziativa. Non mi interessa consentire a certe persone di contestare. Se vogliono celebrare questa data, le celebrazioni se le facciano pure tra di loro, così se la cantano e se la suonano… Ormai il 25 aprile è diventato l’unico giorno dell’anno in cui una parte della politica italiana pensa di avere il diritto di parola e penso ai centri sociali e all’estrema sinistra”. adnkronos



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -