Marocco, Bergoglio ai cristiani: cooperazione con i fratelli musulmani

Il Papa, incontrando la piccola comunità cristiana nella cattedrale di Rabat, si appella all”ecumenismo della carità’: “Che la vostra carità si faccia sempre attiva e sia così una via di comunione tra i cristiani di tutte le confessioni presenti in Marocco: l’ecumenismo della carità. Che possa essere anche una via di dialogo e di cooperazione con i nostri fratelli e sorelle musulmani e con tutte le persone di buona volontà”.

“È la carità, – spiega Francesco- specialmente verso i più deboli, la migliore opportunità che abbiamo per continuare a lavorare in favore di una cultura dell’incontro. Che essa infine sia quella via che permette alle persone ferite, provate, escluse di riconoscersi membri dell’unica famiglia umana, nel segno della fraternità.”.

Islam, nuove leggi in Brunei: lapidazione per omosessuali e adulteri»

Il Papa, celebrando la messa nel complesso sportivo ‘Principe Abdullah’ di Rabat – ultimo atto della breve visita in Marocco, indica “la più grande eredità e ricchezza” per un cristiano. “Sicuramente – dice il Papa – sono tante le circostanze che possono alimentare la divisione e il conflitto; sono innegabili le situazioni che possono condurci a scontrarci e a dividerci. Non possiamo negarlo. Ci minaccia sempre la tentazione di credere nell’odio e nella vendetta come forme legittime per ottenere giustizia in modo rapido ed efficace. Però l’esperienza ci dice che l’odio, la divisione e la vendetta non fanno che uccidere l’anima della nostra gente, avvelenare la speranza dei nostri figli, distruggere e portare via tutto quello che amiamo”.

Il Papa invita ad andare oltre le miopi logiche divisive: “Invece di misurarci o classificarci in base ad una condizione morale, sociale, etnica o religiosa, – osserva Bergoglio nella messa nel complesso sportivo di Rabat in Marocco – possiamo riconoscere che esiste un’altra condizione che nessuno potrà cancellare né annientare dal momento che è puro dono: la condizione di figli amati, attesi e festeggiati dal Padre. ‘Tutto ciò che è mio è tuo’, anche la mia capacità di compassione, ci dice il Padre. Non cadiamo nella tentazione di ridurre la nostra appartenenza di figli a una questione di leggi e proibizioni, di doveri e di adempimenti. La nostra appartenenza e la nostra missione non nasceranno da volontarismi, legalismi, relativismi o integrismi, ma da persone credenti che imploreranno ogni giorno con umiltà e costanza: ‘venga il tuo Regno'”.  (AdnKronos)

Condividi