Grecia: continua la protesta di impiegati Comuni e Regioni

6 dic – Proseguono in tutta Grecia per la quarta settimana consecutiva le proteste dei dipendenti nelle Autonomie Locali che puntano ad impedire la compilazione da parte dei Comuni e delle Regioni delle liste degli impiegati destinati alla mobilita’ (e quindi alla messa in cassa integrazione) come richiesto dal ministero della Riforma Amministrativa sulla base delle indicazioni dei creditori internazionali del Paese.

Grecia: Troika esige altre 150 riforme in cambio del piano salvataggio

Grecia: 45mila statali licenziati per ordine della troika (UE, Bce e Fmi)

Per oggi la Federazione ellenica dei dipendenti delle Autonomie locali (Poe-Ota) ha indetto una nuova astensione dal lavoro per tutta la giornata ed una manifestazione di protesta alle 13:00 in piazza Karaiskaki, ad Atene, davanti alla sede della Federazione con la successiva consueta marcia fino al ministero della Riforma Amministrativa.

Intanto e’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il testo del decreto ministeriale in base al quale, per la messa in stato di mobilita’ dei dipendenti delle Autonomie Locali, non e’ piu’ necessaria la firma del sindaco o delle altre autorita’ locali competenti. Di conseguenza il ministero potra’ procedere senza dover attendere le liste stilate da parte dei Comuni e delle Regioni. (ANSAmed).

Grecia: la troika ha imposto privatizzazione di beni pubblici per circa 20 mld di euro

Condividi