Sud Sudan: scontri tra esercito e miliziani armati, 81 morti

Almeno 81 persone sono state uccise nella regione del Sud Sudan dello Stato di Warrap in seguito a pesanti combattimenti tra civili armati e forze governative che stavano conducendo un’operazione di disarmo, ha detto martedì il portavoce dei militari. Lul Ruai Koang ha detto a Reuters che gli scontri  sono scoppiati nel fine settimana dopo che alcuni giovani armati nell’area di Greater Tonj hanno iniziato a coinvolgere le forze di sicurezza.

Non è stato immediatamente chiaro cosa abbia scatenato la lotta, ha detto, aggiungendo che è stata avviata un’indagine. “Tra i morti ci sono 55 membri delle forze di sicurezza e 26 civili. Anche altri 31 militari sono rimasti feriti “, ha detto Koang, aggiungendo che il numero potrebbe aumentare.

Il personale di sicurezza ferito è stato trasportato in aereo all’ospedale militare della capitale Juba per essere curato, ha detto, aggiungendo che la calma è tornata nella zona quando le autorità hanno ripristinato l’ordine.

Il governo nazionale, formato quest’anno dopo un accordo per porre fine a un conflitto scoppiato nel 2013, il mese scorso ha lanciato un’operazazione di disarmo nella contea di Tonj, affermando che le milizie armate nell’area stavano guidando la violenza intercomunitaria.  REUTERS

Condividi