Centrafrica, violenze a Bangui. Commercianti contro i miliziani: 30 morti

Nuovi scontri mortali tra miliziani e commercianti hanno causato la morte di almeno 30 persone a Bangui mercoledì 25 e giovedì 26 dicembre. La violenza è avvenuta nel PK5, un distretto prevalentemente musulmano che è diventato una delle aree più pericolose della capitale centrafricana dal 2014.

“Trentatre corpi sono stati portati alla moschea”, ha detto Agence France-Presse (AFP) Awad Al Karim, imam della moschea Ali Babolo, secondo la quale i commercianti hanno preso le armi per opporsi alla tassazione imposta dai gruppi di autodifesa che regnano nel vicinato.

Una fonte di sicurezza evoca almeno trenta morti, senza fornire ulteriori dettagli. Né la Missione delle Nazioni Unite nella Repubblica Centrafricana (Minusca) né le autorità centrafricane controllano il PK5, e giovedì non era disponibile alcuna valutazione ufficiale degli scontri; la Minusca (ONU) si è limitata a parlare di “dozzine di vittime”.

La strada principale del PK5, l’arteria economica di Bangui, è stata abbandonata dai passanti giovedì pomeriggio. Molti negozi sono stati saccheggiati, ha detto un giornalista dell’AFP. “Ne siamo stufi!” Ogni volta, [i miliziani] ci chiedono soldi”, ha detto infuriato un commerciante, proprietario di numerosi negozi, che ha chiesto di rimanere anonimo.

Come molti suoi colleghi, stava di guardia in strada, armato di un Kalashnikov. Esplosioni di granate e esplosioni di armi automatiche sono state sentite anche nel pomeriggio.

La determinazione dei mercanti ha portato in tribunale i miliziani, che li tassano da quando hanno preso il controllo del quartiere nel 2013.

“Abbiamo inviato una forza di reazione rapida nell’area”, ha detto il portavoce della Minusca Bili Aminou Alao. “Parte del mercato è stata bruciata, così come alcuni veicoli”, ha aggiunto. “Sono stati bruciati tra 40 e 50 negozi, nonché quattro a cinque case”, ha detto al AFP il colonnello Patrick Bidilou Niabode, direttore generale della protezione civile dell’Africa centrale.

Operazione “Sukula” non riuscita – Il PK5 è stato vittima di sporadiche violenze dal 2014. È in questo quartiere commerciale che molti musulmani di Bangui si sono rifugiati dopo gli scontri tra ribelli Seleka e gruppi anti-balaka che hanno devastato la capitale dopo la caduta del presidente François Bozizé nel 2013. Da allora, i vicoli del PK5 sono stati tenuti da una miriade di autoproclamati gruppi di autodifesa.

Nell’aprile 2018, la Minusca ha lanciato l’operazione “Sukula” (“pulizia” in Sango, la lingua nazionale) per arrestare i leader della milizia. Questa operazione fu la risposta a un appello dell’associazione dei commercianti del PK5 che aveva emesso un ultimatum a Minusca per smantellare questi gruppi armati accusati di violenza, abusi ed estorsioni. L’operazione si è conclusa con un fallimento, con circa 30 morti e un centinaio di feriti.

www.lemonde.fr

Condividi