Censura Social, la UE prova a rispondere a Rinaldi. In realtà, conferma

Condividi

 

di Byoblu

L’Unione Europea, per bocca del suo Commissario per la giustizia, la tutela dei consumatori e l’uguaglianza di genere, Vera Jourová, a Bruxelles risponde all’europarlamentare Antonio Maria Rinaldi, che la incalza sulla censura social. Tema: l’oscuramento di numerosi profili su Facebook, tra cui quelli di partiti regolarmente costituiti o presenti nel Parlamento italiano, operato senza criteri di trasparenza da parte di una organizzazione privata.

Il Commissario da una parte ribadisce che non ci sarà nessun Ministero della Verità di orwelliana memoria, ma solo la necessità di rinforzare anche online le leggi che già valgono nella realtà, con particolare riferimento ai cosiddetti “discorsi di odio” o “hate speech”. Dall’altro, tuttavia, diventa molto fumosa quando deve ammettere che la disinformazione non corrisponde a nessuna fattispecie giuridica, alla luce del diritto penale. E tuttavia conclude, in evidente imbarazzo, dichiarando che la Commissione è molto “sensibile” al riguardo… qualunque cosa questo voglia dire.

Cosa è disinformazione e cosa è libertà di opinione, tutelata dall’articolo 21 della Costituzione? Di certo non lo può stabilire un organismo privato e, in una certa misura, neppure possono stabilirlo istituzioni sovranazionali, senza costituire per ciò stesso quel Ministero della Verità cui la Jourová nega di voler dare vita, peraltro in palese conflitto di interessi quando l’Unione Europea deve giudicare su opinioni che mettono in discussione la sua stessa esistenza, come è per il sentimento popolare contrario a questa gestione politico – economica sovranazionale chiamata UE.

Il tema della censura online operata arbitrariamente dai social network non è “un” tema, ma “il” tema di questo inizio secolo, in quanto incide direttamente sulle dinamiche democratiche che poggiano le basi proprio sulla possibilità di prendere decisioni giuste a partire dal libero dibattito che internet consente, ponendolo a integrazione e spesso anche in competizione con quello delle grandi televisioni e dei giornali, i quali fino all’era pre-social erano i custodi di quella grande lavagna bianca che è l’opinione pubblica su cui – come diceva Andreotti – ogni giorno qualcuno decide per altri che cosa scrivere.

Su Byoblu, ecco il filmato dell’intervento di Antonio Maria Rinaldi e della risposta di Vera Jourová al Parlamento Europeo, con il commento del diretto interessato in collegamento da Bruxelles, intervistato da Claudio Messora.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -