Furto in casa, l’uomo che ha sparato al ladro: “Chi rapina si mette in pericolo”

Condividi

 

“Nel momento in cui una persona purtroppo intraprende un percorso di vita dedito al crimine è quella stessa persona a mettere in pericolo la sua vita. Se non fosse entrato nella proprietà tutto questo non sarebbe successo”. A parlare è Andrea Pulone, il 29enne di Monterotondo che nel tardo pomeriggio di venerdì, durante un tentativo di rapina nella sua abitazione, ha sparato ferendo un rapinatore albanese di 16 anni.

A chi gli faceva notare che sono le stesse parole di Salvini ai microfoni de “l’Italia s’è Desta” su Radio Cusano Campus ha replicato: “Magari lui lo dice in maniera più colorita però in fin dei conti il discorso è quello”. L’uomo ha aggiunto: “Me li sono trovati davanti con una spranga di ferro. Ho sparato e si sono dati alla fuga. Ora ho paura di ritorsioni. Ho avuta ritirata la mia pistola. Mi dedico al tiro sportivo ed è un hobby“.



In queste ore gli inquirenti sono “alla ricerca dei complici che hanno tentato il furto. In questo ambito, per tutelarne la sicurezza, abbiamo disposto una vigilanza h24 nei confronti del proprietario dell’abitazione presa di mira. E’ stato lui stesso, intorno alle 19 di venerdì scorso, ad avvisare il 112 che estranei erano entrati nella propria abitazione”, ha detto il procuratore capo di Tivoli, Francesco Menditto.

La procura prevede per domani l’iscrizione nel registro degli indagati. “Al momento – fa sapere la procura – il reato per cui procediamo è quello di furto in abitazione”. La norma sulla legittima difesa non è ancora entrata in vigore, pertanto “le eventuali decisioni di iscrivere nel registro degli indagati l’autore degli spari non è influenzata dalla nuova norma”, aggiungono.  ANSA



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -