Arabia Saudita: decapitati due immigrati indiani, “esecuzioni barbare e disumane”

Condividi

 

L’Arabia Saudita ha segretamente decapitato due cittadini indiani senza avvisare né l’ambasciata né le famiglie dei due uomini delle brutali esecuzioni. Per aggiungere orrore all’orrore, il Regno non consegnerà i resti alle famiglie.

Satwinder Kumar di Hoshiarpur e Harjeet Singh, di Ludhiana, sono stati decapitati il ​​28 febbraio, in connessione con il caso dell’omicidio di un altro indiano, avvenuto nel 2015. Il verdetto è stato raggiunto senza che l’ambasciata indiana ne fosse a conoscenza e senza alcun preavviso ai parenti degli uomini uccisi.



La notizia della pena capitale è emersa solo dopo che la moglie di Satwinder, Seema Rani, si è rivolta al governo indiano chiedendo di contattare il Regno per avere chiarimenti sul destino del marito, dopo aver sentito delle voci sulla sua scomparsa in un carcere saudita. Questa settimana, il Ministero degli Affari Esteri dell’India (MEA) ha finalmente confermato le decapitazioni, che il primo ministro del Punjab ha definito “barbare e disumane”.

“Era andato in Arabia Saudita nel 2013 per lavorare come camionista con un contratto di due anni. È stato arrestato nel 2015, ma la famiglia è venuta a conoscenza del suo arresto solo alcuni mesi dopo “, ha detto Rani, incolpando il Ministero degli Affari Esteri dell’India di non essere intervenuto per impedire le esecuzioni.

www.rt.com



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -