Nigeria: “Unicef addestra e schiera spie che sostengono gli islamisti”

Il nordest della Nigeria è  dilaniato da un’insurrezione che dura un decennio, guidata da Boko Haram e dal suo gruppo Islamic State West Africa. Oltre 30.000 persone sono state uccise e molte di più sono state cacciate dalle loro case. Con milioni di sfollati, il nord-est dipende in gran parte dagli aiuti internazionali.

Venerdì, l’esercito nigeriano ha detto che l’UNICEF stava addestrando la gente a sabotare gli sforzi anti-insurrezionali delle truppe, scoprendo presunti abusi dei diritti umani da parte dell’esercito. Nella sua dichiarazione, l’esercito nigeriano ha detto che lo staff dell’UNICEF “prepara e schiera spie che sostengono gli insorti e i loro simpatizzanti”.

Queste sono ritenute “pratiche non salutari che potrebbero ulteriormente mettere a repentaglio la lotta contro il terrorismo e l’insurrezione”,  aggiungendo che “le operazioni dell’UNICEF sono sospese nel nord-est fino a nuovo avviso”.

Ma in una seconda dichiarazione, qualche ora dopo, i militari hanno detto di aver tenuto un incontro di emergenza con i rappresentanti dell’UNICEF nella tarda serata di venerdì. “Dopo ampie discussioni sulla necessità di cercare modalità per lavorare in armonia con le agenzie di sicurezza ONU nel teatro delle operazioni, il Comando dell’esercito ha revocato la sospensione di tre mesi, precedentemente imposta all’UNICEF”.

Nella seconda dichiarazione, i militari hanno detto che durante l’incontro hanno esortato “i rappresentanti dell’UNICEF a garantire la condivisione delle informazioni con le autorità competenti ogni volta che viene introdotto o si sta addestrando nuovo personale”.

In precedenza, dopo l’accusa e la sospensione, una portavoce dell’UNICEF ha affermato che l’organizzazione stava “verificando le informazioni”.

Ad aprile, le forze armate nigeriane hanno dichiarato “persona non grata” i dipendenti dell’UNICEF, in connessione con presunte fughe di informazioni sui soldati che abusavano sessualmente di bambini nel nord-est, hanno riferito a Reuters persone che conoscono la vicenda.

La dichiarazione è stata annullata alcuni giorni dopo a causa delle pressione diplomatiche.

Condividi