Migranti, Tar sospende chiusura del centro di don Biancalani

Condividi

 

PISTOIA, 15 NOV – “Il Tar ha accolto la nostra richiesta e l’ordinanza del Comune di Pistoia che ci vietava di fare accoglienza è stata sospesa”. Lo annuncia don Massimo Biancalani, il parroco di Vicofaro che si occupa dell’ accoglienza dei migranti, al quale all’inizio di settembre il Comune di Pistoia aveva recapitato un’ordinanza per la cessazione dell’attività, a seguito di controlli effettuati più volte da questura, Asl, vigili urbani e vigili del fuoco, che avevano mostrato l’inidoneità della struttura a ospitare così tante persone, circa una settantina.

“La notizia ci è arrivata stamani e siamo soddisfatti – ha detto don Biancalani -. L’accoglienza abbiamo continuato a farla, ma il problema era che l’ordinanza del Comune ci aveva di fatto tolto la legalità e quindi i nostri ragazzi quando andavano in Questura per rinnovare i documenti, venivano respinti, perché il nostro centro non risultava in regola. Ora, possiamo ricominciare come prima”.



La parrocchia è al centro di polemiche perché alcuni dei ‘migranti’ ospitati sono stati arrestati per spaccio di droga.

Migrante ospitato in canonica da don Biancalani spacciava droga

Un altro “migrante” ospite di don Biancalani arrestato per droga

Segnalazioni di 180 residenti contro il chiasso nella parrocchia di don Biancalani

Migranti, «A Vicofaro è impossibile vivere». Petizione contro don Biancalani

Don Biancalani querela Salvini: “ha chiamato i miei migranti ‘clandestini’”



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -