Sindaco Pontinvrea: “mandare gli stupratori ai domiciliari a casa della Boldrini”

Condividi

 

PONTINVREA, 4 SET – “Potremmo dare loro gli arresti domiciliari a casa della Boldrini, magari le mettono il sorriso…”. E’ la frase postata su Fb da Matteo Camiciottoli, sindaco di Pontinvrea, sotto un’immagine che ritrae il capo del gruppo degli stupratori di Rimini.

“Sono indignato per il silenzio della terza carica dello Stato. Quei quattro sono bestie, ma lo sarebbero anche se fossero italiani. Per chi si macchia di reati simili, aldilà dell’etnia, ci vorrebbe la castrazione chimica”.

La sua presa di posizione ha scatenato polemiche, tra accuse di razzismo ed auspici di una denuncia da parte di Boldrini. “Quella è la mia pagina personale, non quella del sindaco: ritengo di essere libero di scrivere quello che penso”, ha detto. “Ma al di là di questo non condivido la difesa della Boldrini di una immigrazione incontrollata che inevitabilmente porta a volte il furto per fame, a volte lo stupro. Tra l’altro il capo branco sarebbe uno pseudorifugiato ospite di una coop, il che ci pone degli interrogativi sull’ospitalità. (ANSA)

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -