“Ius Soli mossa politica” dice Kawtar Barghout, figlia di immigrati

In tempi di boldrinismo dilagante sembrerà impossibile, ma in Italia esistono anche figli di immigrati critici con Ius Soli e accoglienza senza limiti. Ne è un esempio Kawtar Barghout, 26enne figlia di marocchini, di religione islamica, in Italia da quando aveva 2 anni e diventata cittadina a tutti gli effetti senza quelle che con la legge nei piani del governo Gentiloni lei stessa definisce “scorciatoie”.

Intervistata dal Giornale, Kawtar è spietata (anche sulla sua pagina Facebook) nel condannare il terrorismo di matrice islamica. Non solo: la sua battaglia è indirizzata anche contro le “scemenze progressiste” di chi vuole regalare letteralmente la cittadinanza ai figli di stranieri.

“Non averla non è una limitazione, visto che sei equiparato agli italiani in tutto – spiega la giovane, alla larga dal buonismo -: la tessera sanitaria ce l’hai, il conto corrente puoi aprirlo, a scuola puoi andare. È un non problema. Io sono stata extracomunitaria fino a 24 anni: qui mi avete curato il diabete, mi sono iscritta all’Università, ho studiato, ho viaggiato. Senza alcun disagio“. Anche suo padre non ne ha mai fatto un problema, ottenendo la cittadinanza a 45 anni, dopo 20 trascorsi in Italia “occupato a lavorare”. Il passaporto, insomma, “era l’ultimo dei suoi pensieri”. L’attuale legge sulla cittadinanza non è una giungla né tantomeno discriminatoria, anzi. “Tiene conto che l’Italia è in una posizione geografica delicata, meta di immigrazione massiccia e dove esistono molti escamotage per ottenere i documenti. Ricevere un permesso di soggiorno illimitato è facile e di conseguenza con lo ius soli regaleremo il passaporto a tutti quanti. Senza selezionare”.

La Kyenge e la Boldrini non apprezzeranno, ma d’altronde la Barghout va dritta al punto, smontando anche l’ipotesi di “ius culturae” che regalerebbe la cittadinanza agli under 12 dopo 5 anni di scuola: “Se uno studia non è detto che abbracci i valori fondanti della Repubblica e i principi costituzionali. Non è automatico”. Le condizioni necessarie sono altre:

“La moralità, quindi non avere precedenti penali. La continuità abitativa, quindi vivere in Italia per un tempo prolungato. E i requisiti economici, visto che lo Stato deve basarsi sulla capacità contributiva. La nuova legge è un’aberrazione giuridica”.

A chi dice che lo Ius Soli sarebbe una legge di civiltà, contro le discriminazioni, lei risponde secca: “È la più grande stupidaggine mai sentita. Io ho fatto tutte le scuole italiane, dall’asilo alle superiori, e non mi sono mai posta il problema di quale passaporto avessi. Nessuno viene discriminato”. Perché quel che conta, per diventare italiani, è “condividere dei valori e mostrare orgoglio nazionale. Significa abbracciare la storia del nostro Paese. Ridurre il tutto a una questione burocratica è una cosa di cui mi vergogno”.

liberoquotidiano.it



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -