Paesi Mediterraneo, UE: 200 milioni di euro per la gestione dell’acqua

 

La Commissione europea ha dato il via libera a un cofinanziamento da 200 milioni di euro per il partenariato Prima (‘Partnership for Research and Innovation in the Mediterranean Area’) che mira a sostenere la ricerca e l’innovazione nella gestione delle acque e nella produzione alimentare sostenibile nel bacino del Mediterraneo.

Lanciato nel dicembre 2014 dalla presidenza italiana dell’Ue, appoggiato da altri otto Paesi che si affacciano sul bacino, il progetto Prima ha visto da subito la partecipazione di diversi stati extra-Ue, come Algeria, Egitto, Giordania, Libano, Marocco, Tunisia e Turchia, cui successivamente si sono aggiunti altri paesi del bacino come Israele e Paesi europei non Mediterranei, quali Lussemburgo e Repubblica Ceca, mentre le trattative sono in corso per l’adesione della Germania.

Il partenariato muoverà i primi passi nel 2018 e durerà dieci anni grazie a un fondo da 400 milioni finanziato per metà dai paesi aderenti e per l’altra metà dal programma quadro Ue per la ricerca, Horizon 2020.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -