Usa: proteste contro le multinazionali, arrestati altri manifestanti pacifici

 

I manifestanti  di’Democrazy Spring’ sono tornati per le strade di Washington DC Venerdì, per il quinto giorno consecutivo, per protestare contro i finanziamenti alla politica.

L’Autore e giornalista Chris Hedges ha condotto la protesta in una piazza, sostenendo che il sistema attuale non funziona per gli elettori americani. Egli ha dichiarato: “Non c’è modo di votare contro gli interessi di Goldman Sachs o ExxonMobil o Citibank o di qualsiasi altra società. E questa casa (nazione) è diventata il loro bordello.”

—————————-

Intanto Si allarga sempre di più la protesta per l’incremento del salario minino. Al grido di ‘Fight for $15′ (lotta per i 15 dollari) migliaia di manifestanti hanno marciato da un capo all’altro del paese invocando l’aumento a 15 dollari. Sotto attacco soprattutto McDonalds, la più’ grande catena al mondo di fast food e dove la media salariale é di circa otto dollari all’ora. Il gigante dell’hamburger e’ nel mirino inoltre per il suo potere di influenzare l’andamento dei salari. A New York i manifestanti hanno approfittato del gala repubblicano a Midtown, dove era presente anche l’aspirante candidato alla Casa Bianca Donald Trump, per far sentire la loro voce. A Los Angeles invece hanno marciato dietro uno striscione gigantesco con la scritta: ‘McJobs hurt us all’ (i lavori McDonald’s fanno del male a tutti). Ma la protesta é andata anche oltre i confini americani. I manifestanti si sono riuniti davanti al McDonald’s di Euro Disney a Parigi e davanti al quartier generale della catena in Corea del Sud. ANSA

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -