Virus Zika: l’Oms crea un’unità di risposta globale

 

Dopo aver dichiarato l’epidemia di Zika un’emergenza internazionale di salute pubblica, l’Oms ha creato un’unità di risposta globale. Il timore è che ora la diffusione si estenda velocemente dall’America Latina ad Africa e Asia. Secondo l’organizzazione, zika è fortemente sospettato per l’aumento di gravi malformazioni come la microcefalia tra i neonati.

“Questo virus non si diffonde da persona a persona, ma dalle zanzare alle persone e da particolari specie di zanzare. Stiamo parlando di donne che vivono in Sud America, in Africa e Asia, donne che sono potenzialmente a rischio se il virus si espande dal Sud America in Africa, in Asia e anche in Europa meridionale e nel sud degli Stati Uniti”, spiega Anthony Costello, pediatra e esperto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel corso di una conferenza stampa a Ginevra.

Quattro milioni i casi previsti solo quest’anno. Per il virus, che è trasmesso dalla zanzara Aedes Aegypti, la stessa che causa la dengue e la febbre gialla, non esistono cure o vaccini. L’obiettivo delle autorità sanitarie, dice l’Oms, deve essere quello di proteggere le donne in stato di gravidanza e di contrastare la diffusione delle zanzare nelle aree più a rischio. EURONEWS


 


TI PIACE IMOLAOGGI?

è on line senza banner pubblicitari, sponsor o click bait
VUOI SOSTENERCI?
Il Tuo contributo è fondamentale, ecco come puoi farlo!

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal



 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -