I profughi e i loro figli minorenni sfruttati come schiavi in Turchia

 

profughi-turchiaIl colosso della moda a basso costo svedese H&M ha ammesso di aver identificato bambini siriani tra i lavoratori impiegati nelle fabbriche di un fornitore in Turchia. La catena di abbigliamento internazionale e il brand Next sono stati gli unici ad ammettere che minori rifugiati vengano impiegati negli stabilimenti in Turchia, scrive Independent, ma lo scandalo potrebbe riguardare molte altre compagnie del settore.

In Turchia si trova uno dei principali poli di produzione di articoli di abbigliamento per le grandi catene internazionali, insieme a quelli di Cina, Cambodia e Bangladesh. I fornitori turchi producono anche per marchi di diverse fasce come Burberry, Adidas, Marks & Spencer, Topshop e Asos. Il Paese è nello stesso tempo quello dove si trova il maggior numero di rifugiati siriani, più di 2,5 milioni, in fuga dal conflitto iniziato nel 2011.Un report della ong Human Rights Resource Centre (BHRRC), citato da Independent, ha sottolineato che pochi brand stanno prendendo le misure adeguate per garantire che i rifugiati “non stiamo scappando da un conflitto” per cadere “in condizioni di sfruttamento lavorativo”.

Centinaia di migliaia di siriani adulti lavorano in Turchia per paghe molto al di sotto del salario minimo che ammonta a circa 95,7 euro al mese. Bhrrc ha chiesto il mese scorso a 28 grandi marchi informazioni circa i loro fornitori in Turchia e la loro strategia per combattere lo sfruttamento minorile e del lavoro adulto. H&M e Next sono stati gli unici a rivelare di aver identificato minori nelle loro fabbriche nel corso del 2015 e di aver preso le dovute contromisure consentendo ai minori, di cui non è stata specificata l’età, di poter tornare a studiare e di aver dato un sostegno alle loro famiglie.

Primark e C&A hanno ammesso di aver identificato siriani adulti tra i lavoratori dei loro fornitori. Adidas, Burberry, Nike e Puma hanno dichiarato di non aver nessun siriano tra i lavoratori delle proprie catene di produzione. Stessa risposta data da Arcadia Group, che detiene i brand Topshop, Dorothy Perkins e Burton Menswear.Mark & Spencer, Asos, Debenhams e Superdry non hanno risposto alla domanda. GAP, New Look e River Island devono ancora rispondere all’intero questionario. (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -