Le moschee in Italia sono incostituzionali ma il Qatar ne costruisce 33

Le moschee sono incostituzionali e l’islam è incompatibile in Italia, ma il Qatar costruisce 33 moschee.

Moschea

di Armando Manocchia  @mail

L’Articolo 3 della Costituzione Italiana (ammesso che valga ancora) recita testualmente che: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. (questo articolo ribadisce ai barbuti, misogini, teste di straccio con il sottanone della sedicente religione islamica che noi ‘infedeli’ non siamo inferiori)

Aggiunge ancheE’ compito (sarebbe compito…visto non lo fa) della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.” (basti solo dire che quando un extraumanitario (l’umanità è sconosciuta alla maggioranza di essi)  clandestinamente invade il nostro Paese, il governo parimenti clandestino, lo accoglie, lo cura, lo tutela, lo protegge, gli mantiene i vizi, gli da dei soldi, stanziando per lui la bellezza di 35/40 euro al giorno, mentre un italiano disabile viene lasciato crepare in auto o, nella migliore delle ipotesi, se ne lava le mani con meno di un euro al giorno.

costituzioneMa torniamo ai sedicenti ‘luoghi di culto islamici’. E’ l’Art. 8 della nostra Costituzione Italiana (ammesso che valga ancora), e non mia zia Carolina, quello che parla della sacrosanta Libertà religiosa quando recita: “Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge“. (e di cui tutti, buonisti e convertiti in primis, si riempiono la bocca)
Ma tutti o quasi tutti si fermano lì. Non leggono anche il Comma 2 che recita testualmente: “Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano“. (e non c’è bisogno di scomodare Dio per sapere se e quanto questa ‘religione’ disumana, questa IDEOLOGIA criminale fatta di intolleranza, razzismo, odio, violenza, persecuzione, sangue, guerra e morte sia in contrasto con il nostro Ordinamento giuridico)

Per fortuna i nostri Padri Costituenti pensarono anche a quelli ‘de coccio’ , infatti il Comma3, che taglia la testa al toro e chiarisce  il Comma 2, ribadisce che l’islam è incompatibile con il nostro ordinamento giuridico; il Comma 3 chiarisce che le moschee in Italia sono abusive, incostituzionali, infatti recita: “I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze.”

Cosa voglio sottolineare oltre a quanto detto sopra, se ancora ve ne fosse bisogno?

Che, l’edilizia di culto con la quale le Regioni e sussidiariamente i Comuni concedono permessi e/o terreni per la costruzione di una moschea, eludono sia l’Art.8 comma 3 della Costituzione, che le maglie sfrangiate dalle competenze in detta materia identificate nell’art. 117. Il Comune, non può consentire l’edificazione di una moschea, ergo edificio di culto, che appartiene ad una confessione religiosa che non abbia sottoscritto un Patto di Intesa con lo Stato Italiano (si rammenta agli affetti da amnesia conclamata che la sedicente religione musulmana o meglio dire disumana, non ha fatto e non potrà mai fare un Patto d’Intesa con lo Stato Maometto grazie a Dio non c’è più e non la può certo fare con un libro). Infatti, se l’Art. 8 della nostra Costituzione recita che tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge, il Comma 2 aggiunge che le confessioni religiose hanno diritto di organizzarsi secondo i propri Statuti (e lo Statuto di questi è il corano o se volete la sharia come dire: dalla padella alla brace), in quanto “non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano. Inoltre, al comma 3, dice i loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla “base di intese” con le relative rappresentanze.
Cosa svuol dire? Significa che la nostra Costituzione richiede un “Patto di Intesa”, che viene sottoposto alle Camere per il passaggio in legge e consente un controllo da parte dello Stato affinché la confessione religiosa professata non sia portatrice di una concezione di vita che induce a vivere il rapporto tra fedeli e Stato secondo modalità profondamente diverse dai convincimenti religiosi o meno che la maggioranza dei cittadini recepisce come disvalori e incompatibili con il nostro ordinamento giuridico.

Chi di noi è appena informato, sa che la confessione islamica per moltissimi, direi per troppi aspetti, “contrasta con l’ordinamento giuridico italiano e con i principi di riconoscimento di libertà e di dignità della persona” e soprattutto della donna, garantiti ormai da decenni dalla “Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo”. Dichiarazione, badate bene che non solo gli islamici non riconoscono e non hanno accettato e firmato, ma pretendono addirittura come per tante altre cose, se la sono copiata e modificata a suo e consumo della sharia e si sono inventati così la Dichiarazione dei Diritti dell’islam.

Per ricapitolare: non avendo e potendo sottoscrivere un Patto di Intesa per assenza dei requisiti minimi fondamentali significa che l’islam non solo non deve ma non può essere riconosciuto in Italia e nello specifico non deve e non può costruire moschee.
Ma anche dalla legislazione ordinaria L. 24 giungo 1929 n.1159 e r d 28 febbraio 1930 n.289 (disposizioni sull’esercizio dei culti ammessi nello Stato e norme di attuazione) e successive modifiche e/o abrogazioni, si evince chiaramente che la cosiddetta confessione islamica non rientra nei presupposti della norma poiché professa principi contrari all’ordine pubblico.

Domanda legittima agli utili idioti che confondono la libertà religiosa con la costruzione o l’apertura di luoghi di culto: come mai le altre confessioni religiose per i loro rapporti con lo Stato Italiano ed in particolare, per quello che attiene la costruzione degli edifici di culto, hanno raggiunto il cosiddetto “Patto di Intesa”? Patto ratificato con legge dello Stato in conformità all’art. 8 comma 2 e 3 (vedi a titolo di esempio L. 8 marzo1989 n.101 e successive modifiche per l’Unione Comunità Ebraiche; L. 12 aprile1995 n. 116 e successive modifiche per Unione Evangelica Battista d’Italia (UCEBI), L. 29 novembre 1995 n.520 e successive modifiche per La Chiesa Evangelica Luterana in Italia (CELI) ).

E infine, come si spiega, che la sedicente confessione islamica, pur non avendo raggiunto il detto Patto di intesa, apra luoghi di culto o costruisce moschee a ritmo esponenziale?



   

 

 

2 Commenti per “Le moschee in Italia sono incostituzionali ma il Qatar ne costruisce 33”

  1. Per risolvere molti nostri problemi basterebbe imporre il rispetto delle leggi che giá ci sono.

  2. Gli edifici abusivi devono essere abbattuti come si fa per gli italiani che costruiscono abusivamente in zone dove non è consentito. E’ possibile che gli amministratori locali percepiscono degli utili per concedere i permessi di costruire, oppure sono ignoranti e non conoscono le leggi dello Stato. Per l’applicazione di ogni Articolo della Costituzione, c’è una serie di Leggi Costituzionali che devono precisare l’applicazione degli Articoli.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -