Sopravvissuti di Ramadi: “In città i cani affamati mangiano i corpi dei jihadisti”

 

Un macabro scenario di devastazione e morte raccontato dai sopravvissuti alla battaglia avvenuta la scorsa settimana a Ramadi fra forze governative irachene e militanti dell’Is. A raccogliere le drammatiche testimonianze di chi è fuggito durante i combattimenti è la CNN.

A parlare sono i civili portati in salvo dalla città in guerra, che raccontano di mesi passati senza viveri e di una Ramadi quasi totalmente rasa al suolo dai bombardamenti: “Abbiamo visto i militanti dell’Is quando abbiamo lasciato le nostre case – ha detto ai microfoni dell’emittente statunitense una delle tante rifugiate nel capo di Habbaniyah -, abbiamo visto i loro cadaveri nelle strade. I cani stanno mangiando le loro teste, perché di loro abbiamo notato solo mani e gambe”.

“Siamo stati senza cibo per due mesi, senz’acqua negli ultimi dieci giorni. E siamo rimasti sconvolti – ha continuato la donna – quando abbiamo lasciato le nostre case e ci siamo spinti fuori dalla città, abbiamo visto solo strade e case distrutte. Non riuscivamo a riconoscerla. Sembrava un’altra”.

“Loro (l’Is, ndr.) – ha spiegato fra le lacrime un altro rifugiato – non sono musulmani, sono bestie. Ringraziamo le nostre forze di sicurezza, dai soldati ai generali. Ci hanno salvato”. La città sulle sponde dell’Eufrate, situata a circa 110 km a ovest di Baghdad, era sotto il controllo del sedicente Stato Islamico da maggio dello scorso anno. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -