Migranti, Bergoglio: l’indifferenza impedisce la solidarietà

 

“Molteplici forme di ingiustizia e di violenza” “feriscono quotidianamente l’umanità”. E’ il messaggio che arriva dall’omelia di Papa Fancesco durante la messa a San Pietro, sottolineando che “ogni giorno, mentre vorremmo essere sostenuti dai segni della presenza di Dio, dobbiamo riscontrare segni opposti, negativi, che lo fanno piuttosto sentire come assente”. Il Pontefice si è quindi soffermato sull’emergenza delle “moltitudini di uomini, donne e bambini che fuggono dalla guerra, dalla fame, dalla persecuzione, disposti a rischiare la vita pur di vedere rispettati i loro diritti fondamentali.

Come è possibile – si è chiesto il Papa – che perduri la sopraffazione dell’uomo sull’uomo? Che l’arroganza del più forte continui a umiliare il più debole, relegandolo nei margini più squallidi del nostro mondo? Fino a quando la malvagità umana seminerà sulla terra violenza e odio, provocando vittime innocenti?”.

“Un fiume di miseria, alimentato dal peccato, sembra contraddire – ha osservato – la pienezza del tempo realizzata da Cristo” e della quale parla la Scrittura anticipando nel Vecchio Testamento e commentando nel Nuovo la nascita del Redentore. Siamo tutti chiamati “a lasciarci rigenerare, per vincere l’indifferenza che impedisce la solidarietà, e uscire dalla falsa neutralità che ostacola la condivisione” ha proseguito Papa Francesco, aggiungendo che “la grazia di Cristo che porta a compimento l’attesa di salvezza, ci spinge a diventare suoi cooperatori nella costruzione di un mondo più giusto e fraterno, dove ogni persona e ogni creatura possa vivere in pace, nell’armonia della creazione originaria di Dio”.

Il concetto dell’indiffirenza come nemica della pace è stato ribadito dal Pontefice anche durante l’Angelus. “Fa pensare solo a sé stessi e crea barriere, sospetti, paure e chiusure” ha detto Francesco. “Oggi – ha ricordato – celebriamo la Giornata Mondiale della Pace, il cui tema è: ‘Vinci l`indifferenza e conquista la pace’. La pace, che Dio Padre desidera seminare nel mondo, deve essere coltivata da noi. Non solo, deve essere anche ‘conquistata’. Ciò comporta una vera e propria lotta, un combattimento spirituale che ha luogo nel nostro cuore. Perché nemica della pace non è solo la guerra, ma anche l`indifferenza, che fa pensare solo a sé stessi e crea barriere, sospetti, paure e chiusure. Abbiamo, grazie a Dio, tante informazioni; ma a volte siamo così sommersi di notizie che veniamo distratti dalla realtà, dal fratello e dalla sorella che hanno bisogno di noi. Cominciamo ad aprire il cuore, risvegliando l`attenzione al prossimo. Questa è la via per la conquista della pace”.  TISCALI



   

 

 

1 Commento per “Migranti, Bergoglio: l’indifferenza impedisce la solidarietà”

  1. ok . il papa ha ragione come capo della comunità cristiana …. MA lo stato italiano capo del territorio deve controllare e chiedersi se agli immigrati stiamo dando una vita lussuosa ( vitto e albergo) che ai suoi cittadini non dà.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -