Polonia, Schulz insulta il governo eletto accusandolo di “colpo di Stato”

schulzIl presidente tedesco del Parlamento europeo Martin Schultz ha definito oggi “drammatica” la situazione in Polonia, paragonandola a un “colpo di Stato”, provocando la reazione rabbia del governo di Varsavia accusato dai suoi detrattori di volere concentrare su di sé tutti i poteri.

“Quello che accade in Polonia ha le caratteristiche di un colpo di Stato ed è drammatico. Parto dal presupposto che ne discuteremo in dettaglio questa settimana al Parlamento europeo, o al più tardi durante la sessione di gennaio”, ha commentato il presidente social-democratico alla radio tedesca Deutschlandfunk.

A che punto siamo arrivati! La “colpa” del neo-governo polacco, democraticamente eletto, sarebbe quella di non volersi piegare alla dittatura europea, di rifiutare l’invasione di migranti e di voler conservare la sovranità nazionale.

Il primo ministro polacco Beata Szydlo da parte sua ha spiegato che Schulz dovrebbe scusarsi con la Polonia. “Questo genere di dichiarazioni – e questa non è la prima volta che le affermazioni del presidente Schulz assumono questo tono e questo carattere – riguardano direttamente la Polonia e gli affari polacchi, e sono inaccettabili per me”, ha insistito Szydlo. “Mi aspetto che Martin Schulz non solo la smetta di fare queste dichiarazioni ma si scusi con la Polonia”.

(font afp)



   

 

 

1 Commento per “Polonia, Schulz insulta il governo eletto accusandolo di “colpo di Stato””

  1. Quando Berlusconi disse:kapò’ in sbagliava

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -