Ancora proteste di sedicenti profughi al confine Grecia-Macedonia

 

Continuano la loro protesta i circa 1.000 migranti bloccati  al confine tra la Grecia e la Macedonia. Una situazione che si aggrava progressivamente da quando le autorità di Skopje hanno deciso di filtrare gli ingressi limitando l’accesso ai profughi provenienti da Siria, Iraq e Afghanistan e bloccando tutti i cosiddetti migranti economici.

profughi1

“Tutti hanno diritto di chiedere asilo, indipendentemente dalla nazionalità, e che il loro caso venga per lo meno ascoltato” ha detto Adrian Edwards, portavoce dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, l’Unhcr. “Ai posti di frontiera bisogna fornire informazioni adeguate alle persone interessate da decisioni del genere” ha detto.

Intanto a dare il segnale d’allarme è anche la Svezia, Paese d’accoglienza per eccellenza, con il maggior numero di migranti in Europa rispetto alla propria popolazione. Il Primo Ministro svedese Stefan Lofven:

La situazione non è più sostenibile. Non è sostenibile per coloro che chiedono asilo, per il personale e per tutti i cittadini che dovrebbero avere fiducia nelle istituzioni e nella società in cui vivono. Per essere chiari, gli altri Paesi europei devono fare di più”.

profughi2

E mentre la Serbia promette di aprire entro una settimana un nuovo centro con capacità d’accoglienza di 600 persone, a Lesbo, in Grecia, continuano a sbarcare persone in fuga dalla guerra: 2.000 gli arrivi dalla Turchia soltanto ieri secondo le Ong che operano in loco. euronews



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -