Obama: “Gli USA scrivono le regole del commercio mondiale, non altri Paesi”

Il presidente americano Barack Obama ha confermato la conclusione del trattato sul Partenariato commerciale Trans-Pacifico di 12 Paesi ed ha dichiarato in proposito che le regole del commercio mondiale verranno scritte dall’America, non da qualunque altro Stato, Cina compresa.

obama-war

Nell’ambito del Partenariato Trans-Pacifico verrà creata una zona di libero scambio nella regione Asiatico-Pacifica. I Paesi del Pacifico rappresentano il 40% dell’economia mondiale e 1/3 del commercio mondiale. I firmatari dell’accordo sono Stati Uniti, Canada, Messico nell’America settentrionale, Perù e Cile in America Latina, Malesia, Brunei, Singapore, Vietnam e Giappone in Asia, così come Australia e Nuova Zelanda.

“Quando oltre il 95% dei nostri potenziali clienti vive al di fuori dei nostri confini, non possiamo permettere a Paesi come la Cina di dettare le regole dell’economia globale. Dovremmo scrivere le regole, aprire nuovi mercati ai prodotti americani e determinare standard elevati per la tutela dei lavoratori e dell’ambiente. L’accordo raggiunto oggi ad Atlanta fornirà tutto questo,” — ha detto Obama.

Il presidente degli Stati Uniti ha anche assicurato che l’accordo difenderà l’occupazione negli Stati Uniti e l’ambiente “più di ogni altro accordo nella storia.”

it.sputniknews.com



   

 

 

1 Commento per “Obama: “Gli USA scrivono le regole del commercio mondiale, non altri Paesi””

  1. Obama non ha capito che la fora economica della Cina è fasulla perché dipende al 90% dal mercato di consumo occidentale e al 60% dagli investimenti che gli imprenditori occidentali fanno lì dai cinesi per poi importarne la produzione nei rispettivi paesi.
    .
    Ci sarebbe molto da ridire su tale comportamento e la “tigre asiatica” è solo uno spauracchio di cartapesta che – grazie alla scarsa lungimiranza degli imprenditori (tra cui anche molti italiani) – ha assunto un ruolo determinate ma falso nella politica economica occidentale e in particolare in quella UE!
    .
    Ora i cinesi hanno in cassa circa il 9% dei titoli di DP USA (e circa il 2% di quelli italiani per dare una idea) ma sono titoli inesigibili perché la loro riscossione finirebbe col provocare una buona inflazione reale facendo salire il loro yuan e svalutando euro e usd col rischio di ridurre le loro esportazioni che sono vitali…
    .
    Adesso gli USA cercano di riportare in alto le loro esportazioni tentando di tutto, dal TTIP per la UE e il Trans-Pacific per l’altro lato del mondo nella più spregevole misura del romanico “dividi et impera”!
    .

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -