Roma: autista Tpl massacrato dal branco, “Pestato per un colpo di clacson”

autista-pestato

 

Roma – Aggredito e picchiato da un ‘branco’ per aver chiesto a due auto che ostruivano il passaggio del suo bus di spostarsi. E’ quanto accaduto ieri pomeriggio nel piazzale La Rustica a Giovanni A., un autista della Roma Tpl che ha raccontato la sua disavventura ai microfoni di Tele Radio Stereo. “Ieri pomeriggio stavo fermo al piazzale di La Rustica con il 447 ma non potevo passare perchè c’erano due macchine ferme una destra e una sinistra. Ho suonato perchè volevo che le macchine si spostassero” ha spiegato. “Una ragazza che si trovava nella macchina ferma a sinistra si è affacciata e mi ha fatto un gesto come a voler dire ‘non mi sposto posso fare come mi pare’. Ho insistito, la macchina si è spostata e sono riuscito a passare”.

Dopo pochi metri però l’autista si è dovuto fermare per uno stop. “A questo punto l’altro occupante della macchina, non la ragazza, è sceso, è venuto sotto al mio finestrino, e con un pugno lo ha rotto sbriciolando il vetro“. Una parte dei frammenti è finita sul suo viso e “visto che perdevo sangue” ha chiamato un ambulanza “e l’auto di assistenza della mia azienda”. Nell’attesa “mi sono chiuso dentro l’autobus con l’aggressore che mi invitava ad andare via dicendo che non era successo niente”. Nel frattempo, all’arrivo dell’auto della Roma Tpl, l’uomo ha potuto aspettare l’arrivo dei soccorsi sull’auto.

All’arrivo dell’ambulanza, l’autista racconta di una seconda, ancor più violenta aggressione: “Sono sceso dalla macchina per farmi medicare e a quel punto mi hanno aggredito alle spalle un numero imprecisato di persone gonfiandomi di botte. Non mi sono reso conto di quanti fossero perché sono arrivati da dietro massacrandomi con calci e pugni. Sono finito in ospedale con tumefazioni al volto e un’infrazione alla spalla sinistra. Nelle prossime ore deciderò se sporgere denuncia“.

La notizia è stata commentata dall’rsu Filt Cgil Marco Rodari: “Ieri nei pressi del quartiere La Rustica un conducente della Roma Tpl è stato brutalmente aggredito e mandato in ospedale. Solo perché il conducente tentava di svolgere con professionalità il proprio dovere, si è visto distruggere il finestrino di guida da un pugno e successivamente aggredito fisicamente” si legge in una nota. “Malgrado l’intervento del personale ispettivo della società e dell’ambulanza, l’aggressione è continuata con l’arrivo di altri delinquenti che hanno martoriato il collega e aggredito anche il personale di pronto intervento. Atti di pura follia ingiustificabile, verso dei professionisti che continuano ad assicurare un servizio pubblico nelle periferie romane, malgrado si lavori ormai da 25 giorni senza stipendio (di agosto). Una vergogna”.

.romatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -