Parma: presunti profughi si accoltellano nel centro di accoglienza

Accoltellamento in casa per i rifugiati, CIAC: “Episodio grave, ma riconosciamo il comportamento corretto degli altri ospiti”

A seguito della grave lite avvenuta all’interno di una casa per rifugiati a Parma il CIAC Onlus, che gestisce l’accoglienza nel centro, ha diramato un comunicato stampa in cui commenta l’episodio.

“Questa mattina (Ieri Ndr) in appartamento d’accoglienza della nostra città è accaduta una lite tra due degli immigrati accolti. L’episodio si è verificato tra persone che in precedenza non avevano mai tenuto comportamenti violenti e pare sia originato per motivi assolutamente futili trascendendo però in una colluttazione con anche l’uso di un coltello da cucina.

Immediatamente gli altri ospiti della casa hanno cercato di separare i due ed hanno chiamato gli operatori, forze dell’ordine e 118 che sono subito intervenuti. La Polizia ha subito portato in Questura una delle persone coinvolte, l’altra ha ricevuto sul posto le prime cure dal 118 e quindi è stata accompagnata in Ospedale Maggiore dov’è attualmente ricoverata.

Pur in attesa del completo accertamento da parte dell’Autorità Giudiziaria, il CIAC constata la grave violazione perpetrata al regolamento per l’accoglienza, firmato dagli ospiti al momento dell’ingresso, che prevede l’incompatibilità tra ospitalità e qualunque forma di violenza.

Reprimere un tal comportamento, pur eccezionale, vale a riconoscere il comprovato impegno degli altri ospiti nella buona convivenza ed anche nei loro sforzi nel non facile percorso di integrazione”.

parmatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -